In evidenza

AISA: Lettera aperta al presidente del consiglio e ai ministri della salute e dell’università e ricerca

18 febbraio 2021: lettera aperta dell’AISA su vaccini anti-COVD-19 e brevetti

Lettera aperta al Presidente del Consiglio, Prof. Mario Draghi, alla Ministra dell’Università e della Ricerca, Prof. Cristina Messa, al Ministro della Salute, On. Dott. Roberto Speranza

Proposta per una vaccino anti-COVID-19 pubblico e aperto

Trento, 18 febbraio 2021


Caro Presidente, cari Ministri,
L’AISA indirizza al Governo una proposta che si articola nei seguenti sei punti.

1. Cooperazione invece di competizione

Notizie di stampa riferiscono di centri di ricerca italiani che stanno studiando l’elaborazione di un nuovo vaccino anti-COVID-19. Alcuni di questi centri appartengono a università o enti di ricerca pubblici che fanno capo allo Stato e sono finanziati dal contribuente. In una situazione pandemica, continuare a costringerli a reinventare la ruota in nome del culto del brevetto e della competizione intestina non è soltanto inefficiente: è letale. Occorre trovare il modo di farli cooperare, nell’interesse dell’Italia e dell’umanità.

2. Un vaccino libero

Qualche giorno fa il Ministero dell’università ha pubblicato il Programma Nazionale per la Ricerca 2021-2027, che contiene anche alcune dichiarazioni a favore della scienza aperta (§ 3.5.1). In un paese in cui il dire è sempre stato più facile del fare, università ed enti di ricerca potrebbero finalmente essere incoraggiati a collaborare per mettere a disposizione di tutti – di tutti gli italiani e di tutti gli esseri umani – le conoscenze e le tecnologie necessarie a produrre un nuovo vaccino, in una concorrenza leale, sui principi ancor prima che sui prodotti, con le multinazionali del farmaco che, grazie ai brevetti, hanno potuto costruire un sistema fondato su un’artificiale – e mortale – scarsità.

3. Finanziamento pubblico e donazioni civiche

Il finanziamento di questa ricerca potrebbe basarsi su fondi statali – per esempio del MUR e del Ministero della Salute – e sul contributo volontario dei cittadini, italiani e no.

Una simile iniziativa può sperare di avere successo solo se le sue regole di base sono chiare e pubbliche, perché pensate allo scopo di garantire, con una sorta di patto fra cittadinanza e ricerca, che da ciò che è pubblico e liberalmente donato si ottenga qualcosa che sia destinato a rimaner pubblico e liberalmente donato. Questa donazione da parte della rete della ricerca pubblica e dei cittadini che la finanziano direttamente e indirettamente non salverebbe soltanto le vite di pazienti ricchi e poveri, italiani e no, ma metterebbe a disposizione delle imprese italiane e del mondo le conoscenze e la tecnologia relativa al nuovo, e libero, vaccino.

4. Collaborazione tra stato e imprese

Le imprese italiane potrebbero essere le prime a produrre il vaccino sia perché si gioverebbero di conoscenze e tecnologie geograficamente prossime, sia perché potrebbero approfittare del contributo del resto del mondo, costruito sulla loro conoscenza condivisa. Moderna ha scelto di sospendere unilateralmente e senza impegno le azioni giudiziarie a tutela dei propri brevetti allo scopo di trar vantaggio dall’inventiva altrui. Offrire però al resto del mondo la possibilità di sperimentare e contribuire a conoscenze e tecnologie legalmente aperte invece che solo provvisoriamente e arbitrariamente libere e potenzialmente costose sarebbe, di nuovo, una concorrenza morale, e non soltanto leale.

5. Strumenti giuridici

Gli strumenti giuridici per attuare i 4 principi sopra elencati non mancano. Una delle opzioni disponibili è la cosiddetta pubblicazione difensiva, cioè la pubblicazione di tutte le informazioni riguardanti la tecnologia alla base del vaccino. La pubblicazione difensiva, senza imporre ulteriori costi, distrugge la novità dell’invenzione e impedisce a tutti di brevettarla. L’esempio della rete mondiale alla base della distribuzione dei vaccini anti- influenzali dimostra che si possono concepire e attuare opportune misure organizzative e giuridiche volte a garantire il funzionamento della Scienza Aperta nel campo della tutela della salute.

Questa proposta permetterebbe di far uso di norme che già esistono per evitare che, con una sindemia – dovuta alla concomitanza dei problemi sanitari, economici e sociali – in atto, l’interesse di pochi monopolisti continui a prevalere sul diritto di tutti alla salute e alla conoscenza.

6. Licenze obbligatorie

È auspicabile che in tempi rapidissimi si proceda all’inserimento nel decreto legislativo, 10 febbraio 2005 n. 30 (codice della proprietà industriale) di una disposizione normativa sulle licenze obbligatorie nella materia della tutela della salute pubblica. Tra i grandi paesi europei, l’Italia è l’unica a non essersi dotata dello strumento delle licenze obbligatorie previste dall’art. 31 dei Trade Related Intellectual Property Rights (TRIPs). La recente proposta di legge n. 4149 (2016) della XVII legislatura si muoveva in questa direzione.

Cordiali saluti,

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione Italiana per la promozione della Scienza Aperta (AISA)

Silvia Bello (Università del Piemonte Orientale) Stefano Bianco (INFN, Laboratori Nazionali di Frascati) Roberto Caso (Università di Trento)
Emanuele Conte (Università Roma Tre)
Giovanni Destro Bisol (La Sapienza, Roma)
Ilaria Fava (Göttingen State and University Library) Paola Galimberti (Università di Milano)
Enrico Pasini (Università di Torino)
Maria Chiara Pievatolo (Università di Pisa)

In evidenza

Per un vaccino anti Covid-19 aperto a tutti

Proposta dell’AISA, 14 febbraio 2021

1. Cooperazione invece di competizione

Notizie di stampa riferiscono di centri di ricerca italiani che stanno studiando l’elaborazione di un nuovo vaccino anti-COVID-19. Alcuni di questi centri appartengono a università o enti di ricerca pubblici che fanno capo allo Stato e sono finanziati dal contribuente. In una situazione pandemica, continuare a costringerli a reinventare la ruota in nome del culto del brevetto e della competizione intestina non è soltanto inefficiente: è letale. Occorre trovare il modo di farli cooperare, nell’interesse dell’Italia e dell’umanità.

2. Un vaccino libero

Qualche giorno fa il ministero dell’università ha pubblicato il Programma nazionale per la Ricerca 2021-2027, che contiene anche alcune dichiarazioni a favore della scienza aperta (§ 3.5.1). In un paese in cui il dire è sempre stato più facile del fare, università ed enti di ricerca potrebbero finalmente essere incoraggiati a collaborare per mettere a disposizione di tutti – di tutti gli italiani e di tutti gli esseri umani – le conoscenze e le tecnologie necessarie a produrre un nuovo vaccino, in una concorrenza leale, sui principi ancor prima che sui prodotti, con le multinazionali del farmaco che, grazie ai brevetti, hanno potuto costruire un sistema fondato su un’artificiale – e mortale – scarsità.

3. Finanziamento pubblico e donazioni civiche

Il finanziamento di questa ricerca potrebbe basarsi su fondi statali – per esempio del MUR e del Ministero della Salute – e sul contributo volontario dei cittadini, italiani e no.

Una simile iniziativa può sperare di avere successo solo se le sue regole di base sono chiare e pubbliche, perché pensate allo scopo di garantire, con una sorta di patto fra cittadinanza e ricerca, che da ciò che è pubblico e liberalmente donato si ottenga qualcosa che sia destinato a rimaner pubblico e liberalmente donato. Questa donazione da parte della rete della ricerca pubblica e dei cittadini che la finanziano direttamente e indirettamente non salverebbe soltanto le vite di pazienti ricchi e poveri, italiani e no, ma metterebbe a disposizione delle imprese italiane e del mondo le conoscenze e la tecnologia relativa al nuovo, e libero, vaccino.

4. Collaborazione tra stato e imprese

Le imprese italiane potrebbero essere le prime a produrre il vaccino sia perché si gioverebbero di conoscenze e tecnologie geograficamente prossime, sia perché potrebbero approfittare del contributo del resto del mondo, costruito sulla loro conoscenza condivisa. Moderna ha scelto di sospendere unilateralmente e senza impegno le azioni giudiziarie a tutela dei propri brevetti allo scopo di trar vantaggio dall’inventiva altrui. Offrire però al resto del mondo la possibilità di sperimentare e contribuire a conoscenze e tecnologie legalmente aperte invece che solo provvisoriamente e arbitrariamente libere e potenzialmente costose sarebbe, di nuovo, una concorrenza morale, e non soltanto leale.

5. Strumenti giuridici

Gli strumenti giuridici per attuare i 4 principi sopra elencati non mancano. Una delle opzioni disponibili è la cosiddetta pubblicazione difensiva, cioè la pubblicazione di tutte le informazioni riguardanti la tecnologia alla base del vaccino. La pubblicazione difensiva, senza imporre ulteriori costi, distrugge la novità dell’invenzione e impedisce a tutti di brevettarla. L’esempio della rete mondiale alla base della distribuzione dei vaccini anti-influenzali dimostra che si possono concepire e attuare opportune misure organizzative e giuridiche volte a garantire il funzionamento della Scienza Aperta nel campo della tutela della salute.

Questa proposta permetterebbe di far uso di norme che già esistono per evitare che, con una sindemia in atto, l’interesse di pochi monopolisti continui a prevalere sul diritto di tutti alla salute e alla conoscenza.

In evidenza

La riproduzione di opere delle arti visive di dominio pubblico

Édouard Manet, 1874 Neue Pinakothek, Monaco di Baviera

Seminario online

La riproduzione di opere delle arti visive di dominio pubblico e l’attuazione della direttiva europea sul diritto d’autore nel mercato unico digitale

10 febbraio 2021

Qui il video e le presentazioni della mattinata

In evidenza

Vaccini: proprietà di pochi o bene comune dell’umanità?

Roberto Caso

8 febbraio 2021

Ritratto di Ippocrate, dallo studiolo di Federico da Montefeltro (Galleria Nazionale delle Marche) – Wikipedia

Il successo della campagna vaccinale anti-Covid-19 dipende da alcuni fattori.

a) Efficacia e sicurezza del vaccino.

b) Capacità di produzione del siero e dei dispositivi che lo veicolano (le fiale). La capacità di produzione dipende anche dall’accesso alla tecnologia; accesso regolato, al momento, dalla proprietà intellettuale e in particolare dal brevetto per invenzione industriale.

c) Capacità di organizzare la somministrazione.

d) Disponibilità a vaccinarsi.

Vorrei svolgere alcune considerazioni sul fattore b) ovvero sul fattore “brevetto”.

Il brevetto è uno strumento giuridico pensato per la competizione. Chi arriva prima a brevettare vince dallo Stato un premio che consiste nel conferimento di un monopolio temporaneo, cioè di un diritto di sfruttare in esclusiva l’invenzione. La giustificazione dominante per l’esistenza delle leggi che riconoscono i brevetti è che senza il conferimento del monopolio legale le imprese non avrebbero sufficienti incentivi a investire in innovazione e tecnologia. Senza una protezione legale, gli investimenti privati verrebbero vanificati dalla libertà di riproduzione della tecnologia.

Con riferimento alla pandemia, il quesito di fondo è il seguente. Il brevetto è lo strumento giuridico migliore per garantire che tutta l’umanità riceva in tempi brevi un vaccino anti-coronavirus? C’è seriamente da dubitarne. Sul punto si possono leggere le parole che Papa Francesco ha pronunciato nel messaggio urbi et orbi dello scorso Natale: “non posso mettere me stesso prima degli altri, mettendo le leggi del mercato e dei brevetti di invenzione sopra le leggi dell’amore e della salute dell’umanità”. Oppure quelle del direttore generale dell’OMS che ha parlato di “catastrofe morale” in riferimento al fatto che i paesi poveri sono al momento fuori dalla campagna vaccinale.

Ma ammettiamo, per amore di discussione, che il brevetto sia indispensabile a muovere le forze del settore privato e che non ci siano alternative pubbliche. Sorge a questo punto un secondo quesito. L’attuale regolamentazione del brevetto sui vaccini anti-Covid-19 è la migliore possibile? Anche intorno a questa domanda di più ristretto respiro, i dubbi che si addensano su un’eventuale risposta positiva sono molti.

Dei vaccini attualmente operativi, 3 sono occidentali e coperti da brevetti. Rispetto a questi ultimi, la copertura brevettuale consente ad aziende private di dettare tempi e modi con cui condurre la campagna vaccinale. È ammissibile? Non credo. Ci sono alternative? Sì. Le prevede la normativa che incarna uno dei simboli della globalizzazione: gli accordi sul commercio internazionale con riferimento ai diritti di proprietà intellettuale, i Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights (TRIPS).

I TRIPS prevedono interventi più o meno incisivi sulla proprietà intellettuale. Il più incisivo è la sospensione della proprietà intellettuale e dei brevetti sui vaccini per la durata dell’emergenza. Il più blando è il ricorso alle licenze obbligatorie per ragioni di tutela della salute pubblica, cioè a licenze imposte dagli Stati ai titolari dei brevetti per far produrre i vaccini anche ad altri. Si badi che le licenze obbligatorie prevedono comunque la corresponsione di un compenso ai titolari del brevetto.

L’intervento più incisivo è stato chiesto da India e Sudafrica assieme a molti altri paesi, associazioni e attivisti, ma vede l’opposizione dell’Occidente. L’intervento più blando è stato chiesto a gran voce da molti, anche in Italia.

Il superamento delle barriere elevate dalla proprietà intellettuale è auspicato anche dalla Risoluzione 2361 (2021) dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa.

Tra i primi ad avanzare in Italia la richiesta di intervenire sulla proprietà intellettuale figurano Nicoletta Dentico e Silvio Garattini nonché Vittorio Agnoletto. Di qualche giorno fa è la lettera di alcuni europarlamentari europei (tra i quali vi sono italiane e italiani) in cui si chiede all’UE la sospensione dei brevetti sui vaccini anti-Covid-19.

Il solo intervento sulla proprietà intellettuale non è la soluzione a tutti i problemi che frenano il decollo della campagna vaccinale. Tuttavia, potrebbe rappresentare un importante messaggio politico. A decidere delle vite di milioni di persone non sarebbe più solo il profitto.

In evidenza

Why dying for a patent? Compulsory licenses, contract transparency, public health

AISA statement,  4 February 2021

Why dying for a patent? Compulsory licenses, contract transparency, public health

Posted on , updated on  by Maria Chiara Pievatolo

To tackle the Covid-19 pandemic, we need Open Science more than ever. Humanity can only hope to quickly overcome the crisis it is facing by sharing worldwide the knowledge and technologies needed to produce vaccines, drugs and medical devices.

Many voices have been raised against the unfair grabbing of vaccines and drugs by rich countries to the detriment of the poor ones. Others have pointed out that pharmaceutical companies are able to dictate the time and mode of vaccination campaigns even in the wealthy West where they have their headquarters. Their power is even more surprising if we take into account that they enjoy direct funding from governments and benefit from the results of basic research supported by public money.

The TRIPS agreement (Trade Related Intellectual Property Rights, art. 31 bis) entitles states, in emergency situations, to enforce compulsory licenses on private patent holders so that other companies can produce generic versions of the patented drugs and vaccines, not without paying them a royalty.
We need, at least, two urgent legislative actions:

  1. in Italy, a regulatory provision on compulsory licensing in the field of public health protection should be included in the legislative decree, February 10, 2005 n. 30 (industrial property code);
  2. in the European Union, legislation should be introduced to require the disclosure and transparency of contracts signed by the European Union and its Member States for the supply of vaccines.

AISA urges the lawmakers to fill these critical gaps, which are all the more inexplicable as they concern measures compatible with and contemplated by the current international system of intellectual property.

In evidenza

Morire per un brevetto?

Alissa Eckert, MS; Dan Higgins, MAM, Public domain, via Wikimedia Commons

Comunicato dell’Associazione Italiana per la promozione della Scienza Aperta (AISA), 3 febbraio 2021

Morire per un brevetto? Licenze obbligatorie e trasparenza contrattuale in materia di salute pubblica

Per contrastare la pandemia da Covid-19 c’è bisogno di scienza aperta. Solo la condivisione mondiale delle conoscenze e delle tecnologie utili a produrre vaccini, farmaci e dispositivi medici può dare la speranza di uscire in tempi brevi dalla crisi che l’umanità sta affrontando.

Molte voci si sono levate contro l’ingiustizia che vede i paesi ricchi accaparrarsi le risorse per vaccini e cure. Altri hanno messo in evidenza che le case farmaceutiche sono in grado di dettare tempi e modi delle campagne di vaccinazioni anche nel ricco Occidente dove hanno le proprie sedi principali. Il loro potere è tanto più sorprendente se si considera che godono di finanziamenti diretti da parte degli stati e traggono profitto dalle conoscenze della ricerca di base sostenuta da fondi pubblici.

L’accordo TRIPS (Trade Related Intellectual Property Rights, art. 31 bis) autorizza gli stati, in situazioni di emergenza, a imporre licenze obbligatorie ai privati detentori di brevetti così che altre aziende possano produrre, non senza pagar loro un compenso, versioni generiche di farmaci e vaccini da loro controllati.

Tra gli interventi legislativi più urgenti da mettere in campo figurano:

  1. a livello italiano, l’inserimento nel decreto legislativo, 10 febbraio 2005 n. 30 (codice della proprietà industriale) di una disposizione normativa sulle licenze obbligatorie nella materia della tutela della salute pubblica;
  2. a livello europeo una normativa che imponga la pubblicità e la trasparenza dei contratti stipulati dall’Unione Europea e dagli Stati membri per la fornitura dei vaccini.

L’AISA chiede con forza al legislatore di intervenire per colmare queste lacune gravi e tanto più incomprensibili in quanto relative a misure compatibili e previste dall’attuale regime internazionale della proprietà intellettuale.

In evidenza

I saperi del dottorando e la comunicazione della scienza 2020-2021

Lezione 1 – Il diritto d’autore accademico

Slide:

Lezione 1

Letture:

R. Caso, Il diritto d’autore accademico nel tempo dei numeri e delle metriche (cap. 4, pp. 127-141), in R. Caso, La rivoluzione incompiuta. La scienza aperta tra diritto d’autore e proprietà intellettuale, Milano, Ledizioni, 2020

R. Caso, Il diritto d’autore e la mercificazione della scienza (cap. 23, preprint), in R. Caso, La società della mercificazione e della sorveglianza: dalla persona ai dati. Casi e problemi di diritto civile, Milano, Ledizioni, 2021 (in corso di pubblicazione)

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio

Esercizi (leggere le clausole contrattuali ed evidenziare le parti maggiormente rilevanti):

Esempi di copyright transfer agreement (contratti di cessione del diritto d’autore)

Approfondimenti:

AISA, Diritto di ripubblicazione in ambito scientifico

DDL 1146, Modifiche all’articolo 4 del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 ottobre 2013, n. 112, nonché introduzione dell’articolo 42-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, in materia di accesso aperto all’informazione scientifica

SPARC, Author Rights: Using the SPARC Author Addendum

PlanS, Rights Retention Strategy

R.D. Bourdon, S. Rouah, Access to scientific works: exclusive rights and free science, in RIDA, 2019

Lezione 2 – La scienza aperta e l’Open Access alle pubblicazioni scientifiche

Slide:

Lezione 2

Letture:

R. Caso, La scienza tra apertura e mercificazione (cap. 1, pp. 23-45), in in R. Caso, La rivoluzione incompiuta. La scienza aperta tra diritto d’autore e proprietà intellettuale, Milano, Ledizioni, 2020

R. Caso, La scienza non sarà più la stessa. Più condivisione, cooperazione e solidarietà dopo il Covid-19?, 25 marzo 2020

Approfondimenti:

L. Lessig, Cultura libera, 2005, 154 ss.

P. Suber, Open Access, MIT Press, 2012

M.C. Pievatolo, Open access/accesso aperto. Le parole dell’innovazione, in Archivio Marini, 2012

M.C. Pievatolo, Se l’università può essere liberale, in Bollettino Telematico di Filosofia Politica, 25 giugno 2020

B. Brembs et al., Plan I – Towards a sustainable research
information infrastructure
, January 21, 2021, in Zenodo.org

Le licenze Creative Commons

R. Caso, La dottrina giuridica italiana in Open Access – Una sitografia in costruzione

In evidenza

CopyrightX – University of Trento (Italy) 2020-2021

The course CopyrightX – University of Trento (Italy) is based on materials developed by William Fisher for CopyrightX at Harvard Law School.

Il corso CopyrightX – University of Trento (Italy) è basato sui materiali sviluppati da William Fisher per CopyrightX alla Harvard Law School.

Harvard CopyrightX Course

Information

Bando per la selezione dei partecipanti

CopyrightX Trento reading

1. The Foundations of Copyright Law

2. Fairness and Personality Theories

3. The Subject Matter of Copyright

4. Welfare Theory

5. Authorship

6. The Mechanics of Copyright

7. The Rights to Reproduce and Modify

  • 17 U.S.C. 106
  • Art. 4, 13, 18, L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
  • Art. 2, Directive 2001/29/EC of the European Parliament and of the Council of 22 May 2001 on the harmonisation of certain aspects of copyright and related rights in the information society
  • Steinberg v. Columbia Pictures Industries, Inc., 663 F.Supp. 706 (S.D.N.Y. 1987) [pdf] [MS Word] [h2o] [Illustrations]
  • Rentmeester v. Nike, Inc. (9th Cir. 2018) [pdf]
  • Mannion v. Coors Brewing Co., 377 F.Supp. 2d 444 (S.D.N.Y. 2005): paragraphs 81-94 [pdf] [MS Word] [h2o[Illustrations]
  • Cass. ord., 12 dicembre 2017, n. 29811

8. The Rights to Distribute, Perform, and Display

  • Kirtsaeng v. John Wiley & Sons (U.S. Supreme Court, March 19, 2013) [pdf] [MS Word] [h2o]
  • American Broadcasting Companies v. Aereo, Inc., 134 S.Ct. 2498 (2014) [pdf] [MS Word] [h2o]
  • EUCJ, UsedSoft GmbH v. Oracle International Corp.(2012) (C-128/11)
  • EUCJ, GS Media BV v. Sanoma Media Netherlands BV et al. (2016) (C‑160/15)
  • EUCJ,VCAST Limited v. RTI SpA (2017) (C‑265/16)
  • EUCJ, Nederlands Uitgeversverbond et al. v. Tom Kabinet Internet BV et al. (C‑263/18)

9. Fair use and Misuse

10. Cultural Theory

11. Supplements to Copyright: Secondary Liability and Para-copyright

  • Metro-Goldwyn-Mayer, Inc. v. Grokster, 545 U.S. 913 (2005) [pdf] [MS Word] [h2o]
  • Viacom v. YouTube, 676 F.3d 19 (CA2 2012) [pdf] [MS Word] [h2o]
  • EUCJ, Sabam v. Netlog (C‑360/10) (2012) (link)
  • EUCJ, Nintendo Co. Ltd v. PCBox srl (Causa C‑355/12) (2014) (link)
  • Art. 6, Directive 2001/29/EC of the European Parliament and of the Council of 22 May 2001 on the harmonisation of certain aspects of copyright and related rights in the information society
  • Art. 17, Directive 2019/790 of the European Parliament and of the Council of 17 April 2019 on copyright and related rights in the Digital Single Market and amending Directives 96/9/EC and 2001/29/EC (link)

12. Remedies

In evidenza

Pagare per leggere o pagare per scrivere: un dilemma insuperabile?

L’Università del Piemonte Orientale e AISA hanno organizzato una teleconferenza dal titolo Pagare per leggere o pagare per scrivere: un dilemma insuperabile? Editoria scientifica e Open Access. Il programma dettagliato dei lavori, nel corso dei quali si è discusso anche di  Plan S, dei cosiddetti accordi trasformativi e del diritto di ripubblicazione in Open Access è visibile qui.

L’incontro ha avuto luogo nella mattinata del 4 dicembre 2020.

La registrazione della conferenza è disponibile qui e qui.

Della conferenza si è discusso sulla mailing list AISA CIRCULI.

Alcune domande sono disponibili qui.

Le presentazioni sono disponibili qui: Pievatolo, Ruffo, Bianco, Caso e qui.

La delibera dell’Università di Milano sui contratti trasformativi del 21 luglio 2020 citata durante la conferenza è disponibile qui.

Il comunicato dell’AISA sui contratti trasformativi del 13 luglio 2020 è disponibile qui.

In evidenza

Il diritto (morale) di liberare i testi

La traccia della relazione che ho tenuto alla conferenza “Pagare per leggere o pagare per scrivere: un dilemma insuperabile?” (Università del Piemonte Orientale, AISA), 4 dicembre 2020, è disponibile qui e qui.

La registrazione della conferenza è disponibile qui.

In evidenza

Diritto civile 2020-2021

I diritti della personalità

“Dalla persona ai dati nell’era della mercificazione e della sorveglianza”

Le due maschere, tragica e comica, del teatro latinoMosaico del I secolo a.C. (Musei Capitolini) – Pubblico dominio – Wikipedia

Testi di riferimento

G. Resta, in G. Alpa e G. Resta, Le persone e la famiglia 1. Le persone fisiche e i diritti della personalità, in Trattato di diritto civile diretto da R. Sacco, Utet, Torino, 2019, pp. 145-632

G. Pascuzzi, Il problem solving nelle professioni legali, Il Mulino, Bologna, 2017

Lezione 1 Il corso: scopi, metodi e organizzazione

TestoSlideVideo

Testo SlideVideo 1 Video 2 Video 3

Calendario del corso

Unitn Moodle

Il diritto civile

Letture:

G. Alpa, Diritto civile 1. Nozione, in Enciclopedia Treccani, 2017

G. Alpa, Diritto civile 2. Storia, fonti, codici, in Enciclopedia Treccani, 2017

G. Pascuzzi, Soldatini e danni collaterali: i settori scientifico-disciplinari, in Roars, 18 gennaio 2014

La prova scritta:

Un esempio di prova scritta (commento del docente)

Un altro esempio

Visioni:

Gattaca – La porta dell’universo (di Andrew Niccol) trailer

Snowden (di Olivers Stone) trailer

Il prigioniero (serie tv) (ideatori Patrick McGoohan e George Markstein) trailer

Lezione 2 Il metodo casistico-problematico

TestoSlideVideo 1Video 2Video 3

Letture:

G. Pascuzzi, Cosa intendiamo per «metodo casistico»?, Trento Law and Technology Research Papers; nr. 29, 2016

G. Pascuzzi, “Come leggere una sentenza”, in G. Pascuzzi, Giuristi si diventa. Come riconoscere e apprendere le abilità proprie delle professioni legali, III ed., Bologna, Il Mulino, 2019, 73-77

G. Pascuzzi, Il problem solving nelle professioni legali, Bologna, Il Mulino, 2017

Harvard – Facoltà di legge (di Scott Turow) – Mondadori 2013 (ed. orig. 1977) – un estratto

Visioni:

The Paper Chase (di James Bridges) – una scena

Learn Law Better, Paper Chase vs Law Professor

Lezione 3 Gli argomenti interpretativi

TestoSlideVideo 1Video 2Video 3

Letture:

Università di Torino, Archivio di diritto e storia costituzionali, Tecniche interpretative della Corte costituzionale

G. Tarello, Argomenti interpretativi, in Digesto civ., vol. I, Utet, Torino, 1987, 419

G. Pascuzzi, Il problem solving nelle professioni legali, Bologna, Il Mulino, 2017

Lezione 4 Diritto e tecnologia

TestoSlideVideo 1Video 2Video 3

lawtech – The Law and Technology Group

Letture:

G. Pascuzzi, Il problem solving nelle professioni legali, Bologna, Il Mulino, 2017

Approfondimenti in altri corsi all’Università di Trento – Facoltà di Giuriprudenza:

Diritto dell’era digitale

Diritto comparato della proprietà intellettuale

Lezione 5 I diritti della personalità: i fondamenti

SlideVideo 1Video 2 Video 3

Letture:

G. Resta, Diritti della personalità: problemi e prospettive, in Dir. inf., 2007, 1043, ripubblicato in G. Resta, Dignità, persone, mercati, Giappichelli, Torino, 2014, 73-96

Visioni:

G. Resta, Responsabilità civile e diritti della personalità, Università degli Studi di Trento – Facoltà di Giurisprudenza Lezioni magistrali sulla responsabilità civile 3 aprile 2014

Lezione 6 Il diritto al nome

TestoSlide

Letture:

Costituzione italiana: lavori preparatori (Archivio Quirinale; Nascita della Costituzione a cura di F. Calzaretti; Fonti storiche di diritto costituzionale in rete a cura di R. Bin)

Costituzione italiana, art. 2

Costituzione italiana, art. 3

Costituzione italiana, art. 22

Codice civile, art. 6-9

Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, art. 3, 8

App. Napoli 18 giugno 1906, in Foro it., 1906, I, 1398

Corte europea diritti dell’uomo, 11-10-2018

Lezione 7 Il diritto all’immagine

TestoSlide

Letture:

Codice civile, art. 10

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, art.96-97

App. Torino Udienza 3 marzo 1903; Pres. Bolognini, Est. Pratis; Maga (Avv. Ceresole) c. Cominetti (Avv.Lorio), in Foro it., 1904, I, 633

Corte costituzionale, 12 apr. 1973 nr. 38

Lezione 8 Il right of publicity

TestoSlide

Letture:

Haelan Laboratories, Inc. v. Topps Chewing Gum, Inc, 202 F.2d 866 (2d Cir. 1953) 

Cass. 10 novembre 1979, n. 5790, in Foro it., 1980, I, 81

Pret. Roma ord. 18 aprile 1984, in Foro it., 1984, I, 2030 (caso Dalla)

App. Roma 8 settembre 1986, in Foro it., 1987, I, 919

Cass. 2 maggio 1991, n. 4785, in Foro it., 1992, I, 831 (caso Armani)

Cass. 1 settembre 2008, n. 21995, in Foro it., 2008, I, 3104

Trib.  Roma, 17 luglio 2014, in Foro it., 2015, I, 2234

Lezione 9 Il diritto morale d’autore

TestoSlide

Letture:

Codice civile, art. 2577

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, art. 1, 6, 20

Cass. Torino, udienza 5 dicembre 1908; The Gramophone company limited  c. Ricordi ed altri, in Foro it., 1909, I, 603

Corte di Giustizia dell’Unione Europea (Terza Sezione) del 1 dicembre 2011, Eva-Maria Painer contro Standard VerlagsGmbH e altri, Causa C-145/10

App. Milano, 24 novembre 1999, in Giur. it, 2000,777

Corte di Cassazione civ., Sez. I, 19 febbraio 2015, n. 3340, Soc. Universal Music Publishing Ricordi c. De Gregori, in Foro it., 2015, I, 2031

Cass. 26 gennaio 2018, n. 2039, in Foro it., 2018, I, 855

Visioni:

The Gost Writer

Altri corsi all’Università di Trento – Facoltà di Giurisprudenza:

Diritto comparato della proprietà intellettuale

Diritto d’autore e arte

Lezione 10 Il diritto d’autore accademico

TestoSlide

Letture:

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, art. 42

DDL n. 1146 (Parlamento Italiano, Senato della Repubblica), art. 1, comma 2

AISA, Diritto di ripubblicazione in ambito scientifico

Science Commons, SPARC, Addendum al contratto editoriale di pubblicazione

L. 19 aprile 1925, n. 475, repressione della falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di lauree, diplomi, uffici, titoli e dignità pubbliche

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, art. 70

Codice etico dell’Università di Trento (2014), art. 5.10 (Integrità – Risultati dell’ingegno e plagio)

Codice d’onore degli studenti (Università di Trento, 2016), Condotte specifiche 1.g)

A. Swartz, Guerilla Open Access Manifesto, 2008

R. Caso, – Il diritto d’autore accademico nel tempo dei numeri e delle metriche, Trento, LawTech Research Paper nr. 36, Trento, Università degli studi di Trento, 2018

Visioni:

Teh Social Network (2010) di David Fincher (una scena)

Lezione 11 Il diritto alla riservatezza

TestoSlide

Letture:

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, art. 12

Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, art. 8

Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, art. 7

S. D. Warren, L. D. Brandeis, The Right to Privacy, in Harvard Law Review, Vol. 4, No. 5. (Dec. 15, 1890), pp. 193-220

Cass. 27 maggio 1975 n. 2129, in Foro it, 1976, I, 2895 (caso Soraya)

A. De Cupis, Il diritto alla riservatezza esiste, in Foro it., 1954, 89

R. Pardolesi, Riservatezza: problemi e prospettive, in Spinelli (a cura di), Responsabilità civile, Bari, 1974, vol. II, pp. 316 ss.

S. Rodotà, Riservatezza, in Enciclopedia Treccani, 2000

Visioni:

Latin Lover di Franco Indovina, in I Tre volti (1965) – una scena

Lezione 12 Il diritto alla protezione dei dati personali

TestoSlide

Letture:

Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, art. 8

Regolamento (UE) 2016/679

Corte di Giustizia UE, 16 luglio 2020, causa C-311/18 (caso Schrems II)

Comitato europeo per la protezione dei dati, “Domande frequenti sulla sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea nella causa C-311/18” 23 luglio 2020 (trad. it. a cura del Garante per la protezione dei dati personali)

Garante per la protezione dei dati personali, Provvedimento n 64 del 26 marzo 2020 – “Didattica a distanza: prime indicazioni”

Zoom Privacy Statement

R. Ducato et al., Emergency Remote Teaching: a study of copyright and data protection policies of popular online services (Part II), Kluwer Copyright Blog, June 4, 2020

M.C. Pievatolo, Teledidattica: proprietaria e privata o libera e pubblica, in Roars, 8 giugno, 2020

Per approfondimenti si rinvia al seminario del Prof. Guido Noto La Diega: Private ordering of data control in remote learning, Martedì 3 novembre 2020, ore 11.30-13.30 “Law and Data” Course MSc Data Science

Lezione 13 Il diritto alla identità personale

TestoSlide

Letture:

Pret. Roma, ord. 6 maggio 1974, in Foro it., 1974, I, 1806

Cass. 22 giugno 1985 n. 3769 , in Foro it., 1985, I, 2211 (caso Veronesi)

Cass. 7 febbraio 1996, n. 978 , in Foro it., 1996, I, 1253

Trib. Bari 31 dicembre 2012, in Danno e responsabilità, 2013, 879

G. Pino, Il diritto all’identità personale ieri e oggi. Informazione, mercato, dati personali, in Libera circolazione e protezione dei dati personali, a cura di R. Panetta, Giuffrè, Milano, 2006, t. 1., pp. 257-321

G. FinocchiaroVoce Identità personale (diritto alla) , in Digesto delle discipline privatistiche, Sez. civ., Agg., Torino, 2010.

Lezione 14 Il diritto all’oblio

TestoSlide

Letture:

Regolamento (UE) 2016/679, Art. 17

Sidis v. F-R Publishing Co, 113 F.2d 806 (Harvard H2O)

Cass. 9 aprile 1998, n. 3679

Cass., sez. un., 22 luglio 2019, 19681

Cass., ord. 19 maggio 2020, n. 9147, in Foro it., 2020, I, 2671

Corte Giustizia UE grande sezione; sentenza 13 maggio 2014, C-131/12 (caso Costeja)

Corte Giustizia UE grande sezione, sentenza 24 settembre 2019, C‑507/17 (Google c. CNIL)

Corte Giustizia UE grande sezione, sentenza 24 settembre 2019, C-136/17

European Data Protection Board, Guidelines 5/2019 part I

R. Pardolesi, L’ombra del tempo e (il diritto al)l’oblio, in Questione Giustizia 2017/1

Documenti:

Sidis Archives (Sidis vs. The New Yorker)

William James Sidis (Wikepedia)

Lezione 15 Il diritto all’anonimato

TestoSlide

Letture:

Corte Giustizia UE 29 gennaio 2008 C-275/06 (Promusicae)

Corte Giustizia UE 15 settembre 2016 (McFadden)

Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 7 marzo 2019 – Ricorso n. 22350/13 – Causa Sallusti contro Italia

Corte Europea dei Diritti dell’Uomo 19 marzo 2019

G. Resta, Anonimato, responsabilità, identificazione: prospettive di diritto comparato, in Dir. informazione e informatica, 2014, 171

G. Resta, in G. Alpa e G. Resta, Le persone e la famiglia 1. Le persone fisiche e i diritti della personalità, in Trattato di diritto civile diretto da R. Sacco, Utet, Torino, 2019, pp. 486-508

G. Finocchiaro,  Anonimato, in Digesto delle discipline privatistiche, Sez. civ., Agg., Torino, 2010

R. Caso, Il conflitto tra copyright e privacy nelle reti Peer to Peer: il caso Peppermint: profili di diritto comparato, in Diritto dell’Internet, 2007, 471

R. Caso, Il conflitto tra diritto d’autore e protezione dei dati personali: appunti dal fronte euro-italiano, in Diritto dell’Internet, 2008, pp. 466-472.

Lezione 16 Il processo decisionale automatizzato

Testo Slide

Letture:

Regolamento (UE) 2016/679, art. 22

C. Stato, sez. VI, 08-04-2019, n. 2270

C. Stato, sez. VI, 13-12-2019, n. 8472

A. Simoncini, L’algoritmo incostituzionale: intelligenza artificiale e il futuro delle libertà, in BioLaw Journal –Rivista di BioDiritto, n. 1/2019

M.C. Cavallaro, G. Smorto, Decisione pubblica e responsabilità dell’amministrazione nella società dell’algoritmo, in Federalismi, 4 settembre 2019

P. Guarda, L. Petrucci, Quando l’intelligenza artificiale parla: assistenti vocali e sanità digitale alla luce del nuovo regolamento generale in materia di protezione dei dati, in BioLaw Journal – Rivista di biodiritto, n. 2/2020

G. Pascuzzi, Le valutazioni degli studenti le fa l’algoritmo (a proposito di Educational Data Mining), 13 ottobre 2020

Visioni:

“Sully” (2016) di Clint Eastwood – una scena

Lezione 17 Privacy by design e privacy by default

TestoSlide

Letture:

Regolamento (UE) 2016/679, art. 25

A. Cavoukian, Privacy by design: The 7 foundational principles, 2009

G. Bincoletto, La privacy by design. Un’analisi comparata nell’era digitale, Aracne editrice, 2019 (cap. IV – La privacy by design nel diritto europeo)

Lezione 18 L’intelligenza artificiale e i diritti della persona – Il diritto morale d’autore

Testo Slide

Letture:

Commissione UE, LIBRO BIANCO sull’intelligenza artificiale – Un approccio europeo all’eccellenza e alla fiducia, 19.2.2020

Parlamento Europeo, Proposta di risoluzione sui diritti di proprietà intellettuale per lo sviluppo di tecnologie di intelligenza artificiale, 2020/2015(INI) 2020

European Commission, Intellectual property and artificial intelligence. A literature review (eds. M. Iglesias, S. Shamuilia, A. Anderberg), 2019

P. Mezei, From Leonardo to the Next Rembrandt – The Need for AI-Pessimism in the Age of Algorithms (July 24, 2020). UFITA, Issue 2/2020 (forthcoming)

L. Travisaniello, Macchine intelligenti che creano ed inventano. Profili e rilievi critici del nuovo rapporto tra intelligenza artificiale e diritti di proprietà intellettuale, LawTech Student Paper nr. 54, 2020

Visioni:

The Next Rembrandt

Lezione 19 Contrasto alla pandemia, tracciamento digitale e protezione dei dati personali

Testo Slide

Letture:

Decreto legge 30 aprile 2020, n. 28, art. 6

Garante per la protezione dei dati personali, Provvedimento di autorizzazione al trattamento dei dati personali effettuato attraverso il Sistema di allerta Covid-19 – App Immuni – 1° giugno 2020

DPCM 25 ottobre 2020, art. 3.1.b)

Immuni, Informativa privacy

AUTO-IMMUNI – Gli anticorpi della democrazia

G. Resta, La protezione dei dati personali nel diritto dell’emergenza Covid-19, Giustizia civile, 5.5.2020

Visioni:

App di contact tracing e tracking: privacy e controllo del contagio, 8 giugno 2020

Lezione 20 Brevetti per invenzione e diritti della persona

TestoSlide

Letture:

Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, art. 1, art. 17

Direttiva 98/44/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 6 luglio 1998 sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche

Corte giustizia Unione europea, 6 luglio 2010, C-428/08

Corte giustizia Unione europea, 18 ottobre 2011, C-34/10

G. Resta, La conoscenza come bene comune:quale tutela?, 2013

Approfondimenti in altri corsi all’Università di Trento – Facoltà di Giuriprudenza:

Diritto comparato della proprietà intellettuale

Diritto alimentare comparato

Lezione 21 Il diritto umano alla scienza aperta

TestoSlideVideo

Letture:

Universal Declaration of Human Rights, art. 27

International Covenant on Economic, Social and Cultural Rights, art. 15.1 (b)

Committee on Economic, Social and Cultural Rights (CESCR), General comment No. 25 on Science and economic, social and cultural rights Art. 15.1.b, 15.2, 15.3 and 15.4

R. Caso, La scienza non sarà più la stessa. Più condivisione, cooperazione e solidarietà dopo il Covid-19?, marzo 2020

F. Binda, R. Caso, Il diritto umano alla scienza aperta, settembre, 2020

V. Zambrano, Il «diritto umano alla scienza» e l’emergenza da CoViD-19, in Rivista di biodiritto/Biolaw Journal, maggio 2020, http://dx.doi.org/10.15168/2284-4503-584

La dottrina giuridica italiana in Open Access

Lezione 22 Come si affronta un esame scritto

Slide

Letture:

R. Caso, La dottrina giuridica italiana in Open Access – Una sitografia in costruzione

G. Pascuzzi, Cercare il diritto, in Giuristi si diventa, III ed., Bologna, Il Mulino, 2019, 103-115

G. Pascuzzi, “La redazione del testo” (La scrittura; Come siredigono i saggi giuridici), in Giuristi si diventa, III ed., Bologna, Il Mulino, 2019, 141-149

Lezione 23 Il danno alla persona e il diritto alla vita

SlideTestoTesto

Letture:

Il diritto alla vita e il danno da uccisione

Cass., sez. un., ud. 22 dicembre 1925, in Foro it., 1926, I, 328

Cass., sez. III civ., 23 gennaio 2014, n. 1361, in Foro it., 2014, I, 719

Cass. civ., sez. un., 22 luglio 2015, n. 15350

R. Caso, Il bene della vita e la struttura della responsabilità civile, in Foro it., 2014, I, 769

R. Caso, Le Sezioni unite negano il danno da perdita della vita: giorni di un futuro passato, in Foro it., settembre 2015, I, 2698

U. Izzo, La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa di una convergenza transistemica, 2018

Lezione 24 Il giusto bilanciamento dei diritti fondamentali e la persona

TestoSlide

Letture:

R. Bin, Ragionevolezza e divisione dei poteri, in Diritto&questioni pubbliche – n.2 agosto 2002

G. Pino, Conflitto e bilanciamento tra diritti fondamentali Una mappa dei problemi, in «Ragion Pratica», 28, 2007, pp. 219-276

P. Grossi, La invenzione del diritto: a proposito della funzione dei giudici, 2017

C. Salvi, Globalizzazione e critica del diritto, 2020

F. Giovanella, Copyright and Information Privacy. Conflicting Rights in Balance, Edward Elgar, 2017, chapter 1

Università di Torino, Archivio di diritto e storia costituzionali, Tecniche interpretative della Corte costituzionale

Lezione 25 La società della mercificazione e della sorveglianza: dalla persona ai dati

Letture:

S. Zuboff, Big Other: Surveillance Capitalism and the Prospects of an Information Civilization, Journal of Information Technology (2015) 30, 75–89. doi:10.1057/jit.2015.5

Y.N. Harari, Il mondo dopo il virus, in Internazionale [trad. da Finacial Times], 6 aprile 2020

P. Pecere, L’età del capitalismo della sorveglianza, Il Tascabile, 29 luglio 2020

A. Alì, Lo Stato, il territorio, l’accesso e la localizzazione dei dati ai tempi del cloud computing, 2017

D. Messina, La protezione dei dati personali alla luce della vicenda ‘Cambridge Analytica’, in Federalismi, 2018

Ascolti:

A. M. Giordano, intervista Shoshana Zuboff per Radio3 Mondo

Conclusioni

Slide

Cos’è che le piace del diritto?

Tom Hanks, dal film Philadelphia (1993) diretto da Jonathan Demme

T. Ascarelli, Antigone e Porzia, 1955

A. Swartz, Legacy, 2006

G. Pascuzzi, Insegnare all’università, 2018

In evidenza

Open Science all’Università di Milano: adempimento o etica della scienza?

8 settembre 2020. Sul Bollettino Telematico di Filosofia Politica Paola Galimberti, illustrando la strategia per l’Open Science dell’Università Statale di Milano, si chiede se sarà possibile superare la logica burocratica dell’adempimento per una pubblicità che dovrebbe essere intrinseca alla scienza stessa:

https://btfp.sp.unipi.it/it/gli-articoli/

In evidenza

Una nuova casa editrice universitaria ad accesso aperto

Sul sito dell’AISA è reperibile, dal 6 settembre 2020, l’annuncio della creazione di una nuova casa editrice ad accesso aperto UNICApress dell’Università di Cagliari.

Qui di seguito un estratto dell’annuncio.

“Attiva dal novembre 2019, UNICApress pubblica e distribuisce ad accesso aperto opere scaturite dalla ricerca e dalla didattica condotte nell’ateneo, o su temi d’interesse per l’Università degli Studi di Cagliari o per la Sardegna. L’open access è una scelta culturale e politica strategica,  che non solo consente la massima diffusione delle opere pubblicate, ma applica il principio della conoscenza come bene comune che l’ateneo, da tempo, abbraccia e promuove

In evidenza

La dottrina giuridica italiana in Open Access – Una sitografia in costruzione

Questa sitografia elenca le fonti in accesso aperto alla dottrina giuridica italiana (anche iniziative editoriali pubblicate in Italia ma in lingua straniera). Per segnalare altre fonti o errori si prega di scrivere a roberto.caso@unitn.it

Riviste

Aedon – Rivista di arti e diritto on line

Amministrativ@mente

Annali del Seminario Giuridico dell’Università di Palermo

Annali dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Antitrust & Public Policies

Archivio Giuridico Sassarese

Archivio penale

BioLaw Journal – Rivista di biodiritto

Bollettino Telematico di Filosofia Politica

CERIDAP

Comparative Law Review

Cultura e diritti

Cultura giuridica e diritto vivente

Dike – Rivista di Storia del Diritto Greco ed Ellenistico

Diritti comparati

Dirittifondamentali.it

Diritto cinese (Istituto di Diritto Cinese)

Diritto della sicurezza sul lavoro

Diritto.it

Diritto & questioni pubbliche

Diritto e storia

Diritto mercato e tecnologia (dimt)

Diritto penale contemporaneo

E-Journal of International and Comparative Labour Studies

European Journal of Privacy Law & Technologies

European Legal Roots

Federalismi

Freedom Security & Justice: European Legal Studies

GenIUS

Gruppo di Pisa. Dibattito aperto sul Diritto e la Giustizia costituzionale

Historia et ius

Istituzioni del Federalismo

Italian Labour Law e-Journal

Italian Review of Legal History

Jura Gentium

JusOnline

Jus Civile

Labour & Law Issues

Lavoro Diritti Europa

MediaLaws

Milan Law Review

Nomos – Le attualità del diritto

Opinio Juris in Comparatione

Ordine internazionale e diritti umani

Orizzonti di diritto commerciale (Rivista ODC)

Osservatorio sulle fonti

Persona e mercato

Quaderni e Ricerche de “Il seminario di Studi Parlamentari ‘Silvano Tosi'”

Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno

Questione Giustizia

Questions of Inernational Law

Ratio Iuris

Ricerche giuridiche

Rivista di diritto alimentare

Rivista di diritto bancario

Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management

Rivista di Diritto dell’Economia, dei Trasporti e dell’Ambiente

Rivista quadrimestrale di Diritto dell’Ambiente

Roma Tre Law Review

Società e diritti

Statoechiese.it

Studi Tributari europei

Teoria e critica della regolazione sociale

The Cardozo Electronic Law Bulletin

The Italian Law Journal

Trento Student Law Review

University of Bologna Law Review

Collane di libri

Biblioteca di Storia del Diritto (a cura della Biblioteca del Senato della Repubblica)

Bonomia University Press

Edizioni Cà Foscari

Firenze University Press

Ledizioni

Pubblicazioni del Master di I livello in “Diritto Sanitario” (SPISA – Università di Bologna)

Roma TRE-Press

Tribunali della fede (Edizioni di Storia e Letteratura)

UNICApress

Università di Torino – Dipartimento di Giurisprudenza – Memorie

Università di Torino – Dipartimento di Giurisprudenza – Quaderni

Università di Trento – Dipartimento “Facoltà di Giurisprudenza” – Collana della Facoltà di giurisprudenza

Università di Trento – Dipartimento “Facoltà di Giurisprudenza” -Quaderni della Facoltà di Giurisprudenza

Università di Trieste – EUT

Working papers

Bocconi Legal Papers

Diritti comparati – working papers

ISLL Papers .The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature

Law & Economics LAB

Trento LawTech Research Papers

Trento LawTech Student Papers

The Working Papers Collection of the Centre for the Study of  European Labour Law “MASSIMO D’ANTONA”

Digitaliazzazioni

La biblioteca giuridica

Tesi di dottorato

DART Europe

Archivi Open Access

DoGi – Dottrina giuridica (abstract di articoli giuridici italiani)

LawArXiv

SSRN (Elsevier)

Zenodo

Piattaforme

Open Research Europe

Portali

OpenAIRE

Indici

Directory of Open Access Journals

Directory of Open Access Books

Motori di ricerca

BASE

CORE

Google Scholar

Microsoft Academic

Pleiadi

In evidenza

Comunicato AISA: Accordi trasformativi: un’offerta che non si può rifiutare?

L’Associazione Italiana per la promozione della Scienza Aperta (AISA) ha pubblicato il 13 luglio 2020 un comunicato sui c.d. “contratti trasformativi”.

Il comunicato si legge qui: https://aisa.sp.unipi.it/accordi-trasformativi-unofferta-che-non-si-puo-rifiutare/

I contratti trasformativi comportano molti effetti negativi. Qui di seguito un breve estratto del comunicato nel quale l’AISA formula precise richieste alle istituzioni che hanno il potere decisionale in materia.
L’AISA auspica che si adottino le seguenti contromisure, in ordine decrescente di difficoltà:

  1. mettere in discussione i criteri che comportano l’uso della bibliometria e la dipendenza da database – Scopus e Clarivate Analytics – in mano a multinazionali private il cui scopo è il lucro;
  2. rendere pubblica il più precocemente possibile la proposta di contratto su cui si sta negoziando;
  3. rendere pubblici i contratti conclusi: gli accordi di riservatezza, infatti, sono un vantaggio per chi vende e non certo per chi compra;
  4. non chiedere ai singoli delegati l’adesione su una mera proposta economica, ma sul contratto vero e proprio, che va loro mostrato perché sia condiviso all’interno dell’ente di appartenenza all’inizio e non alla fine della procedura.
In evidenza

Storie di ricerca: intervista a Roberto Caso

UniTrento: storie di ricerca

“Cosa fa una ricercatrice o un ricercatore? Com’è una sua giornata-tipo? E cosa significa concretamente fare ricerca in Chimica dei materiali, Fisica teorica e Storia della letteratura? Di quali strumenti ci si avvale e con chi si lavora? Quali metodologie, percorsi, storie si nascondono dietro la generica espressione “ricerca scientifica”?
Abbiamo incontrato i ricercatori e le ricercatrici dei nostri Dipartimenti e Centri, per raccontare il loro lavoro quotidiano, le loro domande e il loro rapporto con la produzione di conoscenza.

L’iniziativa fa parte del più ampio progetto di ricerca CLaSTer (Come Lavora la Scienza). Dialoghi tra Università e Territorio, finanziato dalla Provincia Autonoma di Trento (bando STAR), di cui è Principal Investigator Ilaria Ampollini (Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale)”.

In evidenza

Direttiva copyright: l’attuazione in Italia

Raccolta di risorse relative all’attuazione della direttiva (UE) 2019/790 sul diritto d’autore nel mercato unico digitale

CREATe: la storia della direttiva

CREATe: l’atttuazione della direttiva negli Stati membri

COMMUNIA: DSM directive implementation portal

COMMUNIA: DSM directive implentation Italy (page maintened by Federico Leva)

Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2019 – Approvato al Senato con il nuovo titolo “Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2019-2020 “(S 1721, C.2757)

Audizioni della XIV Commissione permante del Senato

Documenti

Rassegna stampa

Bibliografia

In evidenza

Audizione dell’AISA sulla direttiva copyright al Senato

L’Associazione Italiana per la promozione della Scienza Aperta è stata ascoltata in audizione informale dalla XIV Commissione permanente del Senato a margine dei lavori sull’attuazione della direttiva (UE) 2019/790 sul diritto d’autore nel mercato unico digitale.

Qui le riprese video (a partire da 3h:16m).

Qui il testo della memoria.

Di seguito un suo estratto:

“Il legislatore italiano è di fronte a un bivio. Attuare la direttiva consegnando il governo del diritto d’autore alle sole forze del mercato – di un mercato non libero perché controllato da oligopoli di fatto e monopoli di diritto –, o restituire allo Stato il suo ruolo storico di custode dell’interesse pubblico che si traduce nel bilanciamento tra esclusiva e accesso pubblico.

Alla luce di quanto fin qui rilevato, l’AISA indirizza al legislatore italiano le seguenti considerazioni:

a) l’attuazione della direttiva (UE) 2019/790 va vista in connessione con altre proposte di modifica della legge sul diritto d’autore che pendono in Parlamento. Per quel che attiene alla scienza aperta va ricordato che pende davanti al Senato il DDL 1146, Modifiche all’articolo 4 del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 ottobre 2013, n. 112, nonché introduzione dell’articolo 42-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, in materia di accesso aperto all’informazione scientifica (c.d. Proposta Gallo); i lavori su questo importante intervento legislativo, che tra le altre cose prevede l’introduzione nella legge 22 aprile 1941, n. 633 di un nuovo art. 42-bis volto a conferire all’autore di opere scientifiche un diritto inalienabile e irrinunciabile di ripubblicazione in accesso aperto, si sono inspiegabilmente arrestati da molti mesi; l’AISA auspica la ripresa dei lavori e la rapida approvazione del DDL 1146 nell’attuale formulazione che allineerebbe l’Italia alla legislazione già in vigore in Germania, Paesi Bassi, Francia e Belgio;

b) le politiche di sussidi finanziari a favore degli editori nonché della filiera del libro e della carta stampata devono essere viste come alternative e non complementari al rafforzamento delle esclusive del diritto d’autore e dei diritti connessi; in altri termini, se si sceglie l’opzione politica dei sussidi occorre bilanciare la posizione dei titolari dei diritti di esclusiva estendendo i diritti degli utenti in modo da non far loro pagare di nuovo quanto hanno già finanziato con le loro imposte;

c) gli spazi di manovra lasciati al legislatore italiano dalla direttiva (UE) 2019/790 dovrebbero essere sfruttati per garantire nel modo più ampio possibile la libertà di espressione del pensiero e di informazione, nonché la libertà scientifica e didattica. A questo fine, nella legge delega dovrebbe essere data prevalenza ai seguenti princìpi: evitare che il nuovo diritto sulle pubblicazioni giornalistiche previsto dall’articolo 15 comprima i diritti di scienziati e accademici nonché di ricercatori indipendenti; limitare gli effetti negativi della nuova responsabilità dei prestatori di servizi di condivisione di contenuti online prevista dall’articolo 17, impedendo che vengano applicate tecnologie di filtraggio automatico dei contenuti caricati dagli utenti e preservando i diritti e le libertà fondamentali degli utenti compresa la protezione dei dati personali; attuare le eccezioni e limitazioni disciplinate dagli articoli 3 (Estrazione di testo e di dati per scopi di ricerca scientifica), 5 (Utilizzo di opere e altri materiali in attività didattiche digitali e transfrontaliere), 6 (Conservazione del patrimonio culturale), 7 (Disposizioni comuni), 8 (Utilizzo di opere fuori commercio e di altri materiali da parte di istituti di tutela del patrimonio culturale), paragrafo 2, 14 (Opere delle arti visive di dominio pubblico) della direttiva (UE) 2019/790 in modo che agli utenti siano assicurate le più estese libertà possibili; sfruttare pienamente il margine di manovra concesso dall’articolo 25 (Relazione con eccezioni e limitazioni previste da altre direttive) della direttiva 2019/790 che consente agli Stati membri di adottare o mantenere in vigore disposizioni più ampie, compatibili con le eccezioni e limitazioni di cui alle direttive 96/9/CE e 2001/29/CE, per gli utilizzi o gli ambiti oggetto delle eccezioni o delle limitazioni di cui alla stessa direttiva (UE) 2019/790. In questa prospettiva, si allegano – v. allegato A) – a questo testo alcune proposte, evidenziate in giallo, di modifica all’art. 9 del DDL in discussione”.

In evidenza

Covid-19, pandemia, proprietà intellettuale e open science

Una sitografia in costruzione

C. Fontana, Vaccino Covid-19: nella guerra dei brevetti l’Europa è disarmata di fronte a Big Pharma (intervista a Laurent Manderieux), Valori.it, 25 febbraio 2021

L’Unione Africana chiede alle case farmaceutiche di condividere i brevetti sui vaccini, Fanpage.it, 25 febbraio 2021

Liberare i vaccini dai brevetti e dalla proprietà intellettuale, Le cronache lucane, 25 febbraio 2021

Agnoletto: “Bene Speranza sui vaccini, ora Italia voti sì alla proposta di Sudafrica e India”, Quodianosanità.it, 24 febbraio 2021

Le risoluzioni approvate. Dalla deroga sui brevetti per i vaccini Covid alla vaccinazione di caregiver e familiari di fragili, Quodianosanità.it, 24 febbraio 2021 (allegato)

Covid, Speranza: non regge proprietà brevetti, vaccino è per tutti, TG5, 24 febbraio 2021

L’ex ministra Giulia Grillo (M5s): “Sospendere brevetti vaccini anti-Covid per aumento produzione”, Fanpage, 24 febbraio 2021

L’Ue potrebbe obbligare le aziende dei vaccini a condividere i brevetti, Agenzia Italia, 24 febbraio 2021

Se una piccola isola come Cuba, per di più sotto un ingiusto embargo, riesce a produrre da sé il #vaccino, non si capisce perché una potenza industriale come l’Italia non possa fare altrettanto. Evidentemente preferiamo rincorre le multinazionali@CollotMarta, 24 febbraio 2021

A. Laggia, Vaccini per tutti e brevetti: la partita decisiva per vincere la pandemia nel mondo, Famiglia Cristiana, 23 febbraio 2021

ll brevetto dei vaccini deve essere liberato, L’adige, 23 febbraio 2021

COVID-19 vaccine patents: Private property vs. public health, Workers World, February 23, 2021

F. Nava, Presa direttaUn vaccino per tutti (dal min. 44), RayPlay.it, 22 febbraio 2021

Vaccini bene comune con Rosy Bindi, noifuturoprossimo.it, 22 febbraio 2021

COVID: Link 2007 a Draghi, “deroga temporanea a diritti sui vaccini”, OnuItalia.com, 22 febbraio 2021

Vaccini, Farmindustria incontra Giorgetti giovedì per la produzione in Italia, Il Sole 24 ore, 22 febbraio 2021

Coronavirus, lettera (anche da Trento) al ministero per un vaccino libero e pubblico creato dal ”sistema Italia” tra università, enti di ricerca, imprese e società, Il Dolomiti, 21 febbraio 2021

Covid: Statale Milano, pronti depositare a brevetto vaccino, ANSA, 21 febbraio 2021

Potere al popolo, Mobilitazione contro le speculazioni delle multinazionali sui vaccini, Contropiano, 21 febbraio 2021

L. Gaggioli, “Rendiamo il vaccino accessibile a tutti”. Arci scrive una lettera aperta a il Dolomiti. La Malfa: “L’Europa elimini il brevetto”, Il Dolomiti, 20 febbraio 2021

L. Gabrielli, Sit-in dei Centri Sociali alla Pfizer: “I brevetti dei vaccini diventino pubblici”; YouTVRS, 20 febbraio 2021

N. Fratoianni, Dopo inchiesta #piazzapulitala7 interrogazione parlamentare al governo. I #vaccini siano pubblici, liberati dai brevetti, nessun profitto sulla salute. Il tema vero è come avere più dosi,in tempo breve, senza ‘strane’ scorciatoie delle Regioni, a disposizione dello Stato italiano, 19 febbraio 2021

Partito Pirata: “Per un vaccino #opensource”, in Ilcittadinoonline.it, 19 febbraio 2021

E Martini, Democratic Lawmaker Pushes Biden to Back Vaccine-Patent Waiver, BloombergQuint, February 19 2021

G. Zapponini, Rinunciare ai brevetti sul vaccino sarebbe un colpo letale per la ricerca, Verde e blu, formiche.net, 19 febbraio 2021

La strategia di Von der Leyen: immunizzare il 70 per cento degli europei entro l’estate e mettere sotto pressione le case farmaceutiche sui brevetti, Repubblica, 19 febbraio 2021

Bindi: “Fondamentale una licenza obbligatoria perché il vaccino venga prodotto per tutti”, Rai Radio1, Radio anch’io, 18 febbraio 2021

South Africa leads backlash against big pharma over Covid vaccine access, The Guardian, February 18, 2021 

G. Perrotta, Case farmaceutiche, vaccini e brevetti. La salute non è un privilegio, key4biz.it, 18 febbraio 2021

F. Bassanini, Anche Romano Prodi sostiene ora a #Piazzapulita che di fronte a una pandemia non può valere la protezione dei brevetti. Il G20 presieduto da Draghi imponga la fabbricazione su licenza in tutti gli stabilimenti del mondo, indennizzando Pfizer e Moderna per gli investimenti fatti, 18 febbraio 2021

Piazzapulita – Puntata 18/02/2021, Romano Prodi, 18 febbraio 2021, min. 31 ss.

How patent laws get in the way of the global coronavirus vaccine rollout, The Conversation, February 18, 2021 

I. Simpson, Comment: Ireland and EU should support a global patent waiver on Covid-19 medical tools, Business Post, 18th Feb. 2021

A. Merelli, The best ways to help poor countries get better access to Covid-19 treatments, Quartz, Feb. 18, 2021

P.J. Pitts, Gutting Patents Won’t Speed the COVID-19 Vaccine Rollout, IP Watch Dog, Feb. 18, 2021

T. Buscemi, Vaccini e brevetti: quello che le holding e i governi non dicono, Econpoly, Il Sole 24 ore, 18 febbraio 2021

AISA: Lettera aperta al Governo italiano “Proposta per una vaccino anti-COVID-19 pubblico e aperto“, 18 febbraio 2021

130 Paesi senza una dose di vaccino. La vergogna sui tavoli di G7 e G20, Huffington Post, 18 febbraio 2021

S. Blume, M. Mezza, Vaccini in balia delle logiche di mercato. Come il sole è stato privatizzato, Il Mulino, 17 febbraio 2021

I vaccini anti COVID e il nodo dei brevetti. Simone Aliprandi intervista Giuseppe Mazziotti, 17 febbraio 2021

A. Zitelli, L’accaparramento dei vaccini da parte dei paesi più ricchi a danno dei più poveri mette a rischio l’immunità globale: “La lotta contro la pandemia si vince o si perde tutti insieme”, Valigia Blu, 17 febbraio 2021

Condivisione dei brevetti e produzione in Italia, l’idea di Draghi sui vaccini, Huffington Post, 17 febbraio 2021

COVAX Statement on WHO Emergency Use Listing for AstraZeneca/Oxford COVID-19 Vaccine, gavi.org, Feb. 16, 2021

Vaccini: D’Amato, ReiThera a settembre con 100 mln dosi, ANSA, 16 febbraio 2021

R. Burioni, La storia di oggi è “liberalizziamo i brevetti”. La discussione è surreale visto che Moderna ha già concesso liberamente l’utilizzo del suo brevetto l’8 ottobre 2020. Mi stupisco di quanta gente parli di argomenti delicati senza avere minimamente approfondito la questione. 16 febbraio 2021

https://twitter.com/RobertoBurioni/status/1361620092300259328

Burioni: “BioNTech spieghi perché non ha liberalizzato il brevetto del vaccino, Huffington Post, 16 febbraio 2021

Vaccini Covid. Anche la Fnomceo chiede di liberare i brevetti fino alla fine della pandemia, Quotidiano Sanità, 15 febbraio 2021

Vaccini anti-Covid, l’appello dei medici italiani: “Via i brevetti”, ABOUTPHARMAonline, 15 febbraio 2021

Vaccini Covid, Anelli: Liberare i brevetti, 15 febbraio 2021

People’s Health Movement, Call from the Global South to Rich Countries: Don’t block the waiver proposal, Feb. 15, 2021

AISA, Per un vaccino anti Covid-19 aperto a tutti, 14 febbraio 2021

L. Bruni, Quando la conoscenza era un ben comune e gratuito, Avvenire, 13 febbraio 2021

R. Caso, Il brevetto va sospeso, L’Adige, 12 febbraio 2021

Coronavirus Covid-19: Comunità Papa Giovanni XXIII, “sui vaccini i brevetti non siano un ostacolo per i Paesi poveri”, SIR agenzia di informazione, 12 febbraio 2021

S. Lerner, South African Archbishop Denounces Coronavirus Vaccine Apartheid, The Intercept, Feb. 12, 2021

A. Merelli, Big Pharma wants to help poor countries fight Covid-19—but they’d better pay, Quartz, Feb. 12, 2021

S. Hasan, What’s behind the slow Covid-19 vaccine rollout?, Trtworld, Feb. 12, 2021

Covid: Marsilio, Regioni pensano a vaccino Reithera, ANSA, 12 febbraio 2021

C. Di Santo, Covid, Galli: “Dalle Regioni milioni ‘al buio’ per vaccino Reithera? Servono certezze”, DiRE, 12 febbraio 2021

La’Cee Conley, Pfizer Rejects Accusations it Infringed COVID-19 Vaccine Assay Technology, IP Watch, 12 Feb. 2021

E. Pomponi, Presidio nazionale: il brevetto dei vaccini deve essere dei popoli, Radio Città Fujiko, 11 febbraio 2021

Vaccini e business: morire per un brevetto?, Intervista a Roberto Caso, Sentire, 10 febbraio 2021

E. Bonanata, Turkson: i brevetti sui farmaci ostacolano la diffusione dei vaccini, 10 febbraio 2021

E. Esposito, Manifestazioni a Napoli: “Contro il ricatto dei brevetti, vaccini per tutti”, 10 febbraio 2021

Mettre fin aux brevets des vaccins contre la COVID?, tvanouvelles.ca, 10 février 2021

A. Sénécat, Covid-19 : faut-il libérer les brevets des vaccins pour en produire plus ?, Le Monde, 09 février 2021

S. Thambisetty, Vaccines and patents: how self-interest and artificial scarcity weaken human solidarity, LSE Blog, February 9th, 2021

E. Tognotti, Contro i pirati della salute, La Stampa, 9 febbraio 2021

Coronavirus, i vaccini sviluppati anche con soldi pubblici ma i brevetti nelle mani delle case farmaceutiche, Le Iene, 9 febbraio 2021

R. Caso, Vaccini: proprietà di pochi o bene comune dell’umanità?, 8 febbraio 2021

F. Gesualdi, Brevetti, farmaci e salute, Volerelaluna, 8 febbraio 2021

P. Moiola, Il vaccino non è una merce, L’Adige, 8 febbraio 2021

Senza brevetti avremmo più dosi dei vaccini?, Il Post, 8 febbraio 2021

E. Guillén, End the Pandemic Faster by Listening to Developing Countries, Foreign Policy, Feb. 8, 2o21

S. Michaloupolos, Patents are not an obstacle to ramp up COVID-19 vaccines production, EU says, Euroactive, Feb. 8, 2021

K. Gallogly-Swan, The false scarcity of vaccine trade tensions, 8th Feb. 2021

T. C De Campos-Rudinsky, Intellectual property and essential medicines in the COVID-19 pandemic, International Affairs, 8 feb. 2021

S. Valesini, Vaccini tra guerre e brevetti, Altrenotizie, 7 febbraio 2021

M. Davies, R. Furneaux, L. Margottini, L’apartheid dei vaccini: ai paesi ricchi il 52% di dosi, Il Fatto quotidiano, 7 febbraio 2021

J.L. Contreras, The Open COVID Pledge: Design, Implementation and Preliminary Assessment of an Intellectual Property Commons (February 6, 2021). Utah Law Review, Forthcoming, University of Utah College of Law Research Paper No. 416, Available at SSRN 

O. Gurgula, Drug Prices, Patents and Access to Life-Saving Medicines: Changes Are Urgently Needed in the COVID-19 Era (February 6, 2021). Forthcoming in the European Intellectual Property Review (EIPR) , Available at SSRN

C. Petillon, Covid-19 : les vaccins peuvent-ils devenir des biens communs ?, France Culture, 6.2.2021

M. Davies, R. Furneaux, The next Covid crisis: a vaccine apartheid endangering us all, The Bureau of Investigative Journalism, Feb 6 2021

L. Capuzzi, Le Ong denunciano. Arranca lo stop ai brevetti sui vaccini, un affare da 40 miliardi, Avvenire, 6 febbraio 2021

P. Mele, La “politica” sui vaccini della UE. Intervista a Nicoletta Dentico, Rainews, Confini, 6 febbraio 2021

AISA propone, con legge, una condivisione mondiale delle conoscenze, L’Adige, 6 febbraio 2021

EU Parliamentarians Back India-South Africa Covid Vaccine Patent Proposal, NDTV, February 05, 2021

G. Ciliberto, Bisogna produrre più vaccini, ma è illusorio sospendere i brevetti, Il Foglio, 5 febbraio 2021

Cibio, vaccino più senese che trentino: brevetto dell’azienda privata Biomvis. Il punto dopo la polemica sui mancati finanziamenti pubblici, L’Adige, 5 febbraio 2021

Brevetti e diritti di proprietà: ecco le regole dell’Università, L’Adige, 4 febbraio 2021

A. Pandey, Rich countries block India, South Africa’s bid to ban COVID vaccine patents, DW, 4.2.2021

S. Sileoni, Perché sui vaccini Big Pharma ha operato con profitto, Il Foglio, 4 febbraio 2021

AISA, Comunicato: Morire per un brevetto?, 3 febbraio 2021

EU Parliamentarians: A. Cozzolino et al., For a moratorium on the suspension of covid-19 vaccine patents (letter), 3 Feb. 2021

M. Scopece, Perché l’Ue non deroga alla norma sui brevetti dei vaccini anti Covid? Dibattito all’Ispi, Start Magazine, 3 febbraio 2021

D. Minerva, Vaccini Covid: la Ue in campo per produrli. Coi brevetti nel mirino, Repubblica, 3 febbraio 2021

A. Giancarella, Vaccini, quando il diritto alla salute vale più dei brevetti farmaceutici, Il Messaggero, 3 febbraio 2021

Il problema dei vaccini non sono i brevetti – incontro con Michele Boldrin, 3 febbraio

Europe hints at patent grab from Big Pharma, Politico, Feb. 3, 2021

A. Nicita, U. Pagano, Per risolvere la carenza di vaccini serve produrli su licenza. E in fretta, L’Espresso, 3 febbraio 2021

MSF South Africa, No Patents or profiteering on COVID-19, 3 Feb. 2021

M. Serra, Nemmeno Gengis Khan (L’amaca), Repubblica, 2 febbraio 2021

Via i brevetti per avere più vaccini, RSInews, 2 febbraio 2021

Pfizer, 15 miliardi di ricavi in più grazie al vaccino anti Covid (sviluppato con fondi pubblici). Prima il profitto, poi la pandemia, Il Fatto quotidiano, 2 feb. 2021

G. dotti, Il vaccino Spallanzani-Reithera non sarà la soluzione alla pandemia in Italia, Wired, 2 febbraio 2021

V.E. Parsi, Il mondo in attesa e gli interessi di Big Pharma, Il Messaggero, 1° febbraio 2021

F. Sarcina, «I vaccini sono troppo pochi? Ecco una soluzione», Il Sole 24 ore, 1° febbraio 2021

L’appello di Luciana Littizzetto, Appello alle case farmaceutiche, Che tempo che fa, 1° febbraio

R. Prodi, Ogni Stato sia autorizzato a produrre il suo vaccino, Il Messaggero, 31 gennaio 2021

M. Bussolati, Vaccini Covid, pochi e in ritardo: brevetti e accordi con gli Stati lasciano tutto il potere a Big Pharma. Proposte per risolvere il problema, Business Insider Italia, 31 gennaio 2021

F. Barca, Romano Prodi su @ilmessaggeroit + @fsaraceno su @DomaniGiornalehttps://editorialedomani.it/idee/commenti/il-mercato-non-risolvera-il-caos-vaccini-serve-la-mano-pubblica-eikfyhyx… + @ugopagano e @AntonioNicita su @espressonlinehttps://twitter.com/fabriziobarca/status/1355826550118240258?s=19… come l’Europa intera può affrontare la scarsità di offerta di vaccini, 31 gennaio 2021

P. Zanella, Ora liberate il brevetto, L’Adige, 31 gennaio 2021

Cuba, nel laboratorio del vaccino senza brevetti per i poveri. Le prime somministrazioni ad aprile, Il Fatto quotidiano, 31 gennaio 2021

Speciale “Covid19-Domande e Risposte” su Rainews24, 30 gennaio 2021

S. Allison, Bill Gates, Big Pharma and entrenching the vaccine apartheid, Mail&Guardian, 30 Jan 2021

A. Nicita, U. Pagano, Vaccini, perché la strada da percorrere è la produzione su licenza, Il Sole 24 ore, 30 gennaio 2021

F. Saraceno, Il mercato non risolverà il caos vaccini: serve la mano pubblica, Domani, 30 gennaio 2021

L. Jona, Vaccini Covid, i ritardi sulle consegne e il nodo brevetti. Ecco come superarli utilizzando le leggi e come fanno gli altri Paesi, Il Fatto quotidiano, 30 gennaio 2021

L. Matarese, Francesco Vaia: “Chi produce vaccini ceda il brevetto, l’Ue si muova”, Huffington Post, 30 gennaio 2021

N. Dentico, L’Europa vaccini sé e il mondo, Avvenire, 29 gennaio 2021

S. Console, Asia, Africa e America latina: l’aspirazione globale della Cina in un vaccino, Il Manifesto, 29 gennaio 2021

Vaccini Covid. Sileri: “No a liberalizzazione brevetti ma si a produzione conto terzi. Sì a trasparenza contratti”, Quotidianosanità.it, 29 gennaio 2021

C. Sabelli, Vaccinare tutti non è solo questione di filantropia, Scienza in rete, 28 gennaio 2021

L. Elliott, At Davos, the global elite should ensure the whole world can access Covid vaccines, 28 Jan 2021 

Council of Europe, Covid-19 vaccines: ethical, legal and practical considerations, Res. 2361, 27/01/2021

Vaccino Covid-19, perché le case farmaceutiche devono essere obbligate a condividere i brevetti, Fanpage.it, 27 gennaio 2021

S. Maciocco, Vaccini. Il silenzio sulla licenza obbligatoria, Saluteinternazione.info, 27 gennaio 2021

Covid, Vaia (Spallanzani): “Vaccino deve essere bene comune. Va superata la logica del brevetto, i paesi devono essere autosufficienti”, Il Fatto quotidiano, 26 gennaio 2021

M. Facchini, I brevetti dei vaccini anti Covid-19 e i profitti sulla pandemia, in Altraeconomia, 26 gennaio 2021

“Subito una moratoria sui vaccini anti Covid: i farmaci siano bene comune”. L’appello all’Ue, Tiscali.it, 26 gennaio 2021

Cartabellotta e Garattini: “Liberate i brevetti dei vaccini”, AboutpharmaOnline, 25 gennaio 2021

Vaccini Covid e ritardi, il nodo dei brevetti, Fortune, 25 gennaio 2021

Vaccini Covid, Silvio Garattini: “Accelerare la fase 3 di quello italiano. O avere il coraggio di abolire i brevetti e produrli direttamente”, in Il Fatto Quotidiano 25 gennaio 2021

Vaccini Covid in ritardo (intervista a S. Garattini), Il Mattino, 25 gennaio 2021

F. De Benedetti, Vaccini, indagine europea per mancata trasparenza della Commissione sui contratti, Domani, 22 gennaio 2021

Il vaccino del Cibio in stand-by, servono finanziamenti, Rai3 Trentino, 25 gennaio 2021

O. Gurgula, W. Hwa Lee, COVID-19, IP and Access: Will the Current System of Medical Innovation and Access to Medicines Meet Global Expectations? (January 23, 2021). Forthcoming in the Journal of Generic Medicines , Available at SSRN

D.M. De Luca, Anche in Europa ora si pensa di sospendere i brevetti sui vaccini, Domani, 22 gennaio 2021

D. Falcione, Perché è importante rilasciare i brevetti sui vaccini per uscire dalla pandemia, Fanpage.it, 22 gennaio 2021

WHO platform for pharmaceutical firms unused since pandemic began, The Guardian, 22.01.2021

G. Strada, Vaccino anti-covid, Gino Strada: “Decidono i Governi o i consigli di amministrazione di queste multinazionali?“, La7, Piazza pulita, 21 gennaio 2021

R. Petrella, Vaccini, la salute per tutti sotto il dominio del mercato, Il Manifesto, 21 gennaio 2021

Vaccino Covid. Scaccabarozzi (Farmindustria): “Liberare brevetti non è la soluzione”, in Quotidiano Sanità, 21 gennaio 2021

I. Noy, A. Neuberger, The big barriers to global vaccination: patent rights, national self-interest and the wealth gap, The Conversation, January 20, 2021 

Parlamento Europeo, Vaccinazioni contro COVID-19: c’è bisogno di più solidarietà e trasparenza, 19/01/2021

N. Trocchio, Arcuri annuncia nuovi fondi per il vaccino italiano di Reithera che porta in Svizzera, Domani, 12 gennaio 2021

Governments spent at least €93bn on COVID-19 vaccines and therapeutics during the last 11 months, Kenup, CovidX, Jan. 11 2021

A. Massone, Perché è necessario espropriare i brevetti dei vaccini, The Submarine, 2 gennaio 2021

M. Sopelsa, Ecco il vaccino, ma a che prezzo?, Il Bo Live, 27 dicembre 2020

Papa Francesco, Messaggio Urbi et Orbi del Santo Padre Francesco, 25 dicembre 2020

A. Andrieansjah, The Impact of COVID-19 on Intellectual Property Legal System Related to Public Health in Connection with TRPS Flexibilities in Indonesia, Vol. 13 No. 2 (2020): Indonesian Law Journal Volume 13 No. 2, 2020

Corradini, La strategia di Moderna alla base della decisione di non azionare i brevetti sui vaccini anti COVID-19, 17 dic. 2020

H. Miller, S. Decker, Vaccinating Billions Means Finding Ways Around a Patent Impasse, Bloomberg, 16 Dec. 2020

Medici Senza Frontiere, I governi raggiungano un accordo sulla sospensione dei brevetti durante la pandemia, 16 dicembre 2020

Human Rights Watch, Urgently Waive Intellectual Property Rules for Vaccine, Dec. 10 2020

MSF, 5 RAISONS POUR LESQUELLES LA RÉPONSE MONDIALE AU COVID-19 DOIT EMPÊCHER LES BREVETS ET MONOPOLES DES SOCIÉTÉS PHARMACEUTIQUES, MARDI 08 DÉCEMBRE 2020

A. Prabhala et al., Want Vaccines Fast? Suspend Intellectual Property Rights, The New York Times, Dec. 7 2020

Ann Danaiya Usher, South Africa and India push for COVID-19 patents ban Ann Danaiya Usher, The Lancet, Dec. 5 2020

C. Pellegrini, Emergenza sanitaria e brevetti sui vaccini, DirittoConsenso.it, 2 dicembre 2020

V. Solenne, Il ruolo del brevetto nella ricerca del vaccino anti-COVID19, Pandslegal.it, 2 dicembre 2020

J.L. Contreras et al., Pledging Intellectual Property for COVID-19, 38 Nature Biotechnology 1146 (1 Dec. 2020) University of Utah College of Law Research Paper No. 405

No Profit on Pandemic.EU, 30/11/2020

M. Dhenne, Compulsory licensing: you said “taboo”?, Kluwer Patent Blog, November 25, 2020

W. Fisher, T. Syed, A War Not Easily Won: Curbing Infectious Diseases in Developing Countries, November 19, 2020

Nicoletta Dentico, Silvio Garattini, Il nodo dei brevetti. I vaccini e i farmaci bene comune, 17 novembre 2020

Mario Gaviria and Burcu Kilic, BioNTech and Pfizer’s BNT162 Vaccine Patent Landscape, Public Citizen, November 16 2020

Vaccino italiano? Non del tutto. Il brevetto è di Reithera, controllata al 100% dalla svizzera Keires AG con sede a Basilea, Report, 16 novembre 2020

E. Berthet, M. Dhenne, L. Vial, COVID-19 : Comment mettre en oeuvre la licence
d’office
, 7 nov. 2020

A. Moerchel et al., Identifying Crisis-Critical Intellectual Property Challenges during the COVID-19 Pandemic: A Scenario Analysis and Conceptual Extrapolation of Innovation Ecosystem Dynamics Using a Visual Mapping Approach, 27 Oct. 2020

M. Hafner et al., COVID-19 and the cost of vaccine nationalism, RAND Corporation, Oct. 28 2020, https://doi.org/10.7249/RRA769-1

M. Dhenne, COVID-19: Hope for a New World of IP?, 19 Oct. 2020

CIVIL SOCIETY ORGANIZATIONS CALL FOR STRONG SUPPORT FOR TRIPS WAIVER TO COMBAT COVID-19, Infojustice.org, Oct. 16, 2021

WTO, The TRIPs Agreement and Covid-19, 15 Oct. 2020

Covid, Zingaretti: “Su brevetto vaccino chiederemo conto a Spallanzani e Miur”, 13 ottobre 2020

A. Santos Rutschman, The Intellectual Property of COVID-19, Forthcoming, Outsmarting Pandemics, Elizabeth Kirley & Deborah Porter (Eds.) (2021), Saint Louis U. Legal Studies Research Paper No. 2020-28, 12 Oct. 2020

MSF, Given the massive amount of taxpayer money going into COVID-19 products, pharmaceutical corporations—including Moderna—should not seek or enforce any intellectual property protections during or after the pandemic ends, October 8, 2020

Statement by Moderna on Intellectual Property Matters during the COVID-19 Pandemic, October 8, 2020

WTO, Waiver from Certain Provisions of the TRIPS Agreement for the Prevention, Containment and Tratment of COVID-19 – Communication from India and South Africa, IP/C/W/669, 2 Oct. 2020

India Gov., Agenda Item 15. Proposal for a waiver from certain provisions of the TRIPS Agreement for the prevention, containment and treatment of COVID-19, Document IP/C/W/669

F. Binda, R. Caso, Il diritto umano alla scienza aperta, in Trento LawTech Research Papers nr. 41, 27 settembre 2020

A. Tooze, The World Is Winning—and Losing—the Vaccine Race. Immunization to COVID-19 is supposed to solve our problems—but it’s starting to trigger even bigger ones, Foreign Policy, September 19, 2020

A. Santos Rutschman, The Intellectual Property of COVID-19, Forthcoming in Outsmarting Pandemics, Elizabeth Kirley & Deborah Porter (Eds.) (2021), September 11, 2020

J. Guimón, R. Narula, Ending the COVID-19 Pandemic Requires More International Collaboration, Research-Technology Management, 63:5, 38-41, September 8, 2020

 E.G. Tse, D.M. Klug, M.H. Todd, Open science approaches to COVID-19 [version 1; peer review: 1 approved]. F1000Research 2020, 9:1043, August 25, 2020

P. Greco, La pericolosa corsa verso il vaccino, Il Bo live, 24 agosto 2020

J. de Beer, R.E. Gold, International Trade, Intellectual Property, and Innovation Policy: Long-Term Lessons from the COVID-19 Crisis (2020). C.M. Flood, V. MacDonnell, J. Philpott, S. Theriault & S. Venkapuram, eds, Vulnerable: The Policy, Law and Ethics of COVID-19 (Ottawa: University of Ottawa Press, 2020), 23 Aug 2020

Papa Francesco, Udienza generale, 19 agosto 2020

Open access journal posts COVID-19 preprint studies to reduce misinformation, New Medical Life Sciences, Aug 12 2020

E.K. Oke, Is the National Security Exception in the TRIPS Agreement a Realistic Option in Confronting COVID-19?, Aug 6 2020

M. Rimmer, Intellectual Property and Education in the Age of COVID-19, Aug 6, 2020

C.M. Ho, Avoiding the TRIPS Trap: A Path to Domestic Disclosure of Clinical Drug Data Consistent with International Norms, August 5, 2020

F.M. Abbott, The TRIPS Agreement Article 73 Security Exceptions and the COVID-19 Pandemic, Research Paper 116, South Centre, Geneva (August 2020), August 1, 2020

A. Capocci, I dati sulla pandemia non sono pubblici, Il Manifesto, 1 agosto 2020

WHO, WTO, Promoting Access to Medical Technologies and Innovation – Second Edition, July 29, 2020

G. Destro Bisol, Perché (e come) il coronavirus può aiutarci a raggiungere una “health information for all”, Il Bo, 29 luglio 2020

M. Capocasa, G. Destro Bisol, P. Anagnostou, Why (and how) COVID-19 could move us closer to the “health information for all” goal, 27 July, 2020

J. J. Lee, J.P. Haupt, Scientific globalism during a global crisis: research collaboration and open access publications on COVID-19, July 24, 2020

M. Wachowicz, Open Access to Scientific Innovation as a Means to Combat COVID-19, GRUR International, Volume 69, Issue 8, August 2020, Pages 783–784

A. Santos Rutschman, The COVID-19 Vaccine Race: Intellectual Property, Collaboration(s), Nationalism and Misinformation, Washington University Journal of Law and Policy, Vol. 64, 2020, July 21, 2020

M. Mucchetti, G. Zuanetti, Covid-19: fare Open science per dare risalto alla ricerca Italiana, AboutPharma online, 20 luglio 2020

R. Van Noorden, Open-access Plan S to allow publishing in any journal, Nature, 16 July 2020

Moderna Tx Inc., Program Patents, Jul. 7 2020

Y. Heled, A.S. Rutschman, L. Vertinsky, The Need for the Tort Law Necessity Defense in Intellectual Property Law (July 3, 2020). University of Chicago Legal Forum, forthcoming. SSRN

UNESCO, COVID-19 – Open science and reinforced scientific cooperation

UNESCO, Open access to facilitate research and information on COVID-19

RDA COVID-19 Recommendations and Guidelines on Data Sharing, 30 June 2020

Y. Heled, A.S. Rutschman, L. Vertinsky, The Problem with Relying on Profit-Driven Models to Produce Pandemic Drugs (June 30, 2020). Journal of Law & Biosciences (2020, Forthcoming), Saint Louis U. Legal Studies Research Paper No. 2020-17. SSRN

Tham, Benjamin and Findlay, Mark James, COVID-19 Vaccine Research, Development, Regulation and Access (June 30, 2020). SMU Centre for AI & Data Governance Research Paper No. 2020/03, SSRN

J. D’Alessandro, Nobel, politici, personalità dello spettacolo. La lettera dei 101 per un vaccino anti Covid bene universale, Repubblica, 28 giugno 2020

J. Homolak, I. Kodvanj, D. Virag, Preliminary analysis of COVID-19 academic information patterns: a call for open science in the times of closed borders, 25 June 2020

J. Croft, Pandemic reopens wounds on IP rights. The ethics of pharmaceutical monopolies are under scrutiny, Financial Times, 18 June 2020

A. Barkan, Z. Rizvi, The Covid-19 Vaccine Should Belong to the People, The Nation, June 18, 2020

Patents, economics, and pandemics, 5 June 2020

Ewen Callaway, Will the pandemic permanently alter scientific publishing?, Nature, 3 June 2020, trad. it L’impatto della pandemia sulle pubblicazioni scientifiche, in Le Scienze, 11 giugno 2020

A. Uribe-Tirado, G. Del Río Riande, S. Raiher, J. Ochoa-Gutiérrez, Open Science since COVID-19: Open Access + Open Data. (June 3, 2020). Available at SSRN: or http://dx.doi.org/10.2139/ssrn.3621047

E. Hudson, P. Wragg, Proposals for Copyright Law and Education During the COVID-19 Pandemic (June 3, 2020)

Giovanna Borrelli, Francesco Sparano, La scienza dopo il nuovo coronavirus: aperta, cooperativa e solidale, Altraeconomia, 1 giugno, 2020

Publishers Sue Internet Archive Over Free E-Books, New York Times, 1 June 2020

Riccardo Petrella, Roberto Savio, Reinaldo Figueredo, I vaccini sono beni pubblici mondiali. La vita non è un brevetto, Il Manifesto, 30 maggio 2020

G. Blasi, La guerra sul Controlled Digital Lending negli USA. Le info di base per capirci qualcosa, Facebook, 30 maggio 2020

A. Capocci, Duecento scienziati contro la ricerca che ha fermato l’idrossiclorochina, Il Manifesto, 30 maggio 2020

Carlos Alvarado QuesadaTedros Adhanom Ghebreyesus, Globalizing the Fight Against the Pandemic, Project Syndicate, May 29, 2020

An open letter to Mehra et al and The Lancet, May 28, 2020, Zenodo

S. Mancini, S. Egidi, Per favore, lasciamo perdere i brevetti per i vaccini, Repubblica, 27 maggio 2020

A. Dini, eBook gratis e cultura libera, dopo il sequestro torna raggiungibile il sito di Progetto Gutenberg, La Stampa, 26 maggio 2020

D. Rankovic, The Authors Guild demands National Emergency Library be shut down, Reclaim the Net, May 25 2020

Eve M.P., If I could radically reshape copyright law for research, May 23, 2020

E. Akpan, C. Ememobong, COVID-19 and the Rebirth of Compulsory Licensing: An Examination of the Right to Health Care (May 21, 2020). SSRN.

Brainard J., Will Trump White House tear down journal paywalls? Many anxiously await a decision, Science, 21 May 2020

A. Romano, COVID-19: la corsa al vaccino fra scienza, nazionalismi e solidarietà globale, Valigia blu, 21 maggio 2020

R. Kiley, Open access: how COVID-19 will change the way research findings are shared, 21 May, 2020

C.V. Chien, E. Hastings, Guest Post: Spurring and Clearing the Path for Open COVID Innovation Through Contextual Patent Disclosure, Patentlyo.com, May 20, 2020

Coronavirus: everyone wins when patents are pooled, 20 May, 2020

C. Morten, A. Moss, Could a patent get in between you and a Covid-19 test? Yes, The Guardian, 20 May 2020

Jamali, D., Barkemeyer, R., Leigh, J. and Samara, G. (2020), Open Access, Open Science, and Coronavirus: Mega trends with historical proportions. Business Ethics: A Eur Rev. doi:10.1111/beer.12289

A. Capocci, Diritto al vaccino, c’è sempre la «crisi di sanità pubblica», Il Manifesto, 19 maggio 2020

L’appello di Msf: “Niente brevetti sui farmaci anti-Covid, devono essere disponibili per tutti”, Globalist, 18 maggio 2020

S. Boconetti, Il copyright che non piace ai colossi delle Multinazionali, Il Manifesto, 17 maggio 2020

S. Boseley, US and UK ‘lead push against global patent pool for Covid-19 drugs’, 17 May 2020

H. Wong, The case for compulsory licensing during COVID-19, J Glob Health. 2020 Jun; 10(1): 010358, 2020 May 15

E. Dusi, Vaccino, ecco perché non sarà per tutti. La Sanofi ha già promesso le prime dosi agli Usa, Repubblica, 14 maggio 2020

J. Grove, Coronavirus speeds journals’ shift towards open access, Times Higer Education, May 13, 2020

OECD Policy Responses to Coronavirus (COVID-19), Why open science is critical to combatting COVID-19, 12 May 2020

R. Mazzaracca, Brevetti e proprietà intellettuale al tempo del Coronavirus, Osservatorio Terapie Avanzate, 11 maggio 2020

J.E. Stiglitz, Il mercato dei farmaci deve cambiare, Internazionale, 10 maggio 2020

All that’s fit to preprint. Nat Biotechnol38, 507 (2020). https://doi.org/10.1038/s41587-020-0536-x

E. Cristofori Rapisardi, Vaccini e brevetti, il dilemma della proprietà intellettuale, Il Sole 24 ore, 5 maggio 2020

V. Zambrano, Il «diritto umano alla scienza» e l’emergenza da CoViD-19, in Rivista di biodiritto/Biolaw Journal, maggio 2020, http://dx.doi.org/10.15168/2284-4503-584

J. Shopovski, B. Sloboda, COVID-19 Pandemic, the Value of Open Access to Research, and Role of Agile Peer Review (May 3, 2020). European Scientific Journal, ESJ (2020)

M. Dhenne, COVID-19, Patents and Access to Healthcare: a French Perspective (May 1, 2020). Available at SSRN 

D. Kansra, COVID-19: Time to Invest in the Human Right to Science, May 1, 2020

V. Porcheddu, La cura del reperto al tempo del virus, Il Manifesto, 28 aprile 2020

Mariana Mazucato, Else Torrele, Come sviluppare un vaccino anti-COVID-19 per tutti, Project Syndicate, Apr 27, 2020

M. Santolini, Covid-19: the rise of a global collective intelligence?, The Conversation, April 24, 2020

F. Pochart et al., Compulsory licenses granted by public authorities: an application in the Covid-19 crisis in France? Part 2, Kluwer Copyirght Blog, April 24, 2020

F. Pochart et al., Compulsory licenses granted by public authorities: an application in the Covid-19 crisis in France? Part 1, Kluwer Copyirght Blog, April 23, 2020

Joseph E. StiglitzArjun JayadevAchal Prabhala, Patents vs. the Pandemic, Project Syndicate, Apr 23, 2020

A. Di Corinto, “Io leggo digitale”, l’iniziativa italiana (e non solo) per leggere da casa gratis, Repubblica, 17 aprile 2020

S. Bocconetti, Usa, i signori del copyright contro i libri gratuiti per gli studenti poveri, Il Manifesto, 15 aprile 2020

M. Sagone, Proprietà intellettuale e emergenza sanitaria, Studio Torta, 10 aprile 2020

Coronavirus, Gallo (M5S): subito legge Open science e sostegno alla ricerca, 8 aprile 2020, Orizzontescuola.it

The Open COVID Pledge, Apr 7, 2020

UN Committee on Economic, Social and Cultural Rights (CESCR), Committee adopts statement on the Covid-19 Pandemic and Economic, Social and Cultural Rights, 6 April 2020

Le valvole per i respiratori prodotte con una stampante 3D, Sena e Tarchini, 5 aprile 2020

C.M. Correa, Guide for the Granting of Compulsory Licenses and Government Use of Pharmaceutical Patents, South Centre, April 2020

Scienza aperta e valutazione della ricerca in tempi di crisi pandemica: lettera aperta dell’AISA al Presidente della Repubblica, 30.03.2020

WIPO, COVID-19 IP Policy Tracker

M. Sandal, Come la pandemia sta cambiando il mondo della ricerca scientifica, in Il Tascabile, 27.3.2020

Roberto Caso, La scienza non sarà più la stessa. Più condivisione, cooperazione e solidarietà dopo il Covid-19?, 25 marzo 2020

V. Neetha K., Aaron Swartz: As JSTOR opens it doors amid pandemic, people laud hacker who fought for access to knowledge, Mar. 22, 2020

Yamey, Gavin and Schäferhoff, Marco and Pate, Muhammad and Chawla, Mukesh and Ranson, Kent and Hatchett, Richard and Wilder, Richard, Funding the Development and Manufacturing of COVID-19 Vaccines. Background paper for the World Bank/CEPI financing COVID-19 vaccine development consultation on February 20, 2020. The Center for Policy Impact in Global Health., Duke Global Working Paper Series No. 20, March 2020.SSRN

Vincent W.J. van Gerven Oei, Viral Open Access in Times of a Global Pandemic, Mar. 19, 2020

M. Sandal, Il coronavirus sta cambiando il modo in cui pensiamo alla scienza, in Esquire, 10.03.2020

V. Larivière, F. Shuet, C.R. Sugimoto, The Coronavirus (COVID-19) outbreak highlights serious deficiencies in scholarly communication, LSE, March 5th 2020

K. Kupferschmidt, ‘A completely new culture of doing research.’ Coronavirus outbreak changes how scientists communicate, in Science, Feb. 26, 2020

X. Xu, The hunt for a coronavirus cure is showing how science can change for the better, in The Conversation, Feb. 24, 2020

Bo XuMoritz, U. G. Kraemer on behalf of the Open COVID-19 Data Curation Group, Open access epidemiological data from the COVID-19 outbreak, The Lancet – Infectious Diseas, February 19, 2020, DOI:https://doi.org/10.1016/S1473-3099(20)30119-5

V. Larivière, F. Shuet, C.R. Sugimoto, Coronavirus et édition savante : une question de transmission, in Acfas Magazine, 13 février 2020,

Calling all coronavirus researchers: keep sharing, stay open, in Nature, 578 (7) 2020

F. Binda e A. Boggio, Scienza aperta per combattere il coronavirus, 21.02.2020

R. Pells, Coronavirus and Ebola: could open access medical research find a cure?, in The Guardian, Jan. 22, 2020

The People’s Vaccine

noprofitonpandemic.eu

Vaccino bene comune

AISA: Proposta per una vaccino anti-COVID-19 pubblico e aperto

WeMoveEurope, A people’s vaccine

vaccinecommongood.org

CEPI, GAVI, WHO, COVAX

Open Covid Pledge

Open Covid-19 Declaration

WIPO, Patentscope Covid-19 Index

EPO, Fighting coronavirus

Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, Fighting Coronavirus, 2020

Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, Banca dati nazionale delle invenzioni biotecnologiche

WIPO, Draft reference document on the exception regarding compulsory licensing, by the Standing Committee on the Law of Patents, May 2019

EPO-European Patent Academy, Compulsory licensing in Europe -A country-by-country overview, 2018

A. Kapczynski, Order Without Intellectual Property Law: Open Science in Influenza, Cornell Law Review, Vol. 102, No. 6, 2017

XVII legislatura, Proposta di legge n. 4149, 2016

Corte cost., 20 marzo 1978, n. 20

In evidenza

La scienza non sarà più la stessa. Più condivisione, cooperazione e solidarietà dopo il Covid-19?

Rivista di Biodiritto, no 1S (2020)

https://www.biodiritto.org/Online-First-BLJ/Online-First-BLJ-2-20-Instant-Forum-Diritto-diritti-ed-emergenza-ai-tempi-del-Coronavirus

https://zenodo.org/record/3726702#.XnssL9NKgdU

Roberto Caso

I. Viviamo tempi di smarrimento e confusione. In momenti come questi, non è inusuale incontrare opinioni sul futuro. È forse una via di fuga dall’incertezza del presente che ci attanaglia.

Voci autorevoli hanno sostenuto che l’umanità dopo la pandemia del Covid-19 non sarà più la stessa[1]. Gli ottimisti affermano che noi esseri umani saremo migliori. I pessimisti prevedono che ripeteremo gli errori del passato, aggravandoli e aprendo le porte a una nuova minaccia per noi, per le altre specie e per il pianeta.

E la scienza? Sarà migliore? Non è una domanda banale.

Alcuni ritengono che la scienza sia l’unica risorsa che abbiamo per vincere la battaglia contro il nuovo coronavirus. Altri evidenziano che potevamo giungere più preparati a una minaccia che era stata paventata da tempo. Ad esempio, si poteva continuare a investire nella ricerca sviluppata a valle delle ultime gravi epidemie da coronavirus come quelle della SARS e della MERS.

Insomma, se non siamo giunti abbastanza attrezzati di fronte a questa nuova emergenza globale non è solo per il nostro stile di vita, ma anche perché qualcosa non ha funzionato nella scienza nonché nella sua interazione con la società e con le sue istituzioni (a cominciare dalla politica).

II. Uno dei mali della scienza attuale è la confusione tra profitto e ricerca. Tra le ricadute di questa commistione risalta la chiusura della conoscenza scientifica dietro recinti di proprietà intellettuale. La proprietà intellettuale spinge ad arrivare per primi e prendere tutto (in esclusiva). “The winner takes all”. In altri termini, induce più a competere che a cooperare.

Il meccanismo della proprietà intellettuale è stato pensato per il mercato ed è intrinsecamente imperfetto. È imperfetto perché i diritti di proprietà intellettuale sono piccoli monopoli legali, dunque rappresentano anomalie nell’idealizzazione del mercato concorrenziale. Sono anomalie tollerate – dice la teoria dominante[2] – perché, a patto che non siano monopoli troppo estesi, incentivano investimenti nella macchina della produzione dell’informazione che altrimenti non sarebbe in grado di funzionare. Sono anomalie pensate per gli attori del mercato (principalmente le imprese) e non per università e ricercatori.

Nel modello ideale la ricerca di base rimane appannaggio del settore pubblico ed è aperta, priva cioè delle barriere della proprietà intellettuale. È invece sul piano della ricerca applicata e dello sviluppo della tecnologia da parte delle imprese che i diritti di proprietà intellettuale giocano (o dovrebbero giocare) il proprio ruolo incentivante. A patto che, si diceva, l’esclusiva non sia troppo estesa e che sia garantito un ampio e robusto pubblico dominio. Perché la conoscenza si costruisce in modo cumulativo e incrementale, rielaborando le acquisizioni precedenti. Ad esempio, i brevetti per invenzione durano massimo vent’anni. Il copyright non copre le idee, le formule matematiche, i metodi scientifici, i fatti e i dati.

Tuttavia, da alcuni decenni questo modello ha subito due forme di degenerazione. Da una parte, i diritti di proprietà intellettuale sono stati estesi a dismisura alimentando vere e proprie posizioni di dominio sul mercato. Dall’altra, la proprietà intellettuale ha colonizzato il mondo della ricerca di base (originariamente) non orientata al profitto: ad esempio, alcune università hanno acquisito ampi portafogli brevettuali che sfruttano aggressivamente sul mercato.

Di più, i ricercatori, le università e le società scientifiche hanno consegnato il loro sistema di comunicazione e di valutazione a un pugno di imprese. Il diritto d’autore accademico da strumento di libertà e responsabilità si è trasformato in meccanismo di asservimento agli ingranaggi dell’apparato valutativo basato su metriche citazionali[3].

La degenerazione è particolarmente evidente nel settore biomedico. Beni strategici come i vaccini, i farmaci, le banche dati della scienza biomedica e alcune infrastrutture di Internet sono nelle mani di pochi attori del mercato. Le loro scelte sono naturalmente orientate al profitto e non al progresso della conoscenza.

Ad esempio, le grandi case farmaceutiche accumulano brevetti e investono in ciò che in base ai loro calcoli previsionali può garantire profitto[4]. Se la minaccia di un nuovo coronavirus viene ritenuta remota, esse non svilupperanno la ricerca di questo settore.

Ancora. Il sistema di comunicazione e di valutazione della scienza incentrato sulle misure citazionali è chiuso dal lucchetto del copyright (più precisamente: del copyright, dei contratti e delle protezioni tecnologiche). Buona parte di tale sistema è nelle mani di pochi grandi editori commerciali (ora imprese di analisi dell’informazione) che vendono a carissimo prezzo l’accesso temporaneo alle proprie banche dati. Non si tratta solo di una questione di barriere economiche all’accesso. Gli oligopoli della scienza producono gravi effetti collaterali sul piano culturale. È stato, ad esempio, evidenziato che il dominio della lingua inglese come lingua franca della scienza riduce le opportunità di accesso alle informazioni aggiornate da parte dei medici che non la conoscono[5]. In situazioni di emergenza, come quella che stiamo vivendo, ciò rappresenta un grave problema.

La proprietà intellettuale rende inaccessibili a buona parte dell’umanità gli strumenti per difendersi da minacce come il Covid-19. Si pensi ai molti Paesi dell’Africa che non possono certo permettersi né i costosissimi brevetti su farmaci, vaccini e altri dispositivi medici né gli abbonamenti alle banche dati già diventati proibitivi per molte istituzioni accademiche occidentali.

III. Tralasciando i brevetti per invenzione e concentrandosi sul copyright, occorre evidenziare che, dopo l’esplosione dell’epidemia del Covid-19, alcuni grandi editori scientifici hanno aperto le pubblicazioni scientifiche utili allo studio del nuovo coronavirus. Una massa di pubblicazioni che prima era accessibile solo pagando prezzi esorbitanti ora è (temporaneamente) in Open Access[6]. Non si tratta solo di iniziative spontanee, ma anche di risposte a puntuali richieste che vengono da alcuni Paesi[7] e da alcuni enti finanziatori[8].

Più dei gesti “caritatevoli”, parziali e temporanei degli editori commerciali contano le azioni dei ricercatori, dei docenti, dei bibliotecari, delle istituzioni della scienza, dei giornalisti o divulgatori scientifici e del pubblico. Queste azioni potrebbero migliorare definitivamente l’intero ecosistema di comunicazione della scienza e non solo quello riguardante l’attuale emergenza sanitaria.

Ricercatori e istituzioni scientifiche, mettendo a frutto le infrastrutture e le prassi dell’Open Science, stanno compiendo enormi sforzi per condividere in tempo reale le informazioni scientifiche (dati e pubblicazioni). Si pensi alla condivisione dei dati genetici relativi al Covid-19 su banche dati ad accesso aperto[9]. Si pensi alla pubblicazione immediata dei c.d. preprint – bozze non sottoposte alla forma di revisione paritaria oggi in voga che implica procedure lunghissime e opache, per lo più basate sull’anonimato dei revisori – di articoli scientifici, che vengono discussi pubblicamente su archivi ad accesso aperto[10].

I docenti stanno riversando su Internet un’immensa quantità di risorse didattiche.

I bibliotecari costruiscono strumenti di comunicazione che guidano il pubblico verso fonti affidabili e mettono in guardia da bufale e fake news[11].

I giornalisti scientifici moltiplicano i canali di comunicazione che fanno da ponte tra la scienza e il pubblico.

Il pubblico partecipa alla discussione interagendo con gli scienziati, ponendo domande, condividendo dati e formulando opinioni.

Questo nuovo ecosistema non è privo di difetti, di debolezze, di rischi.

a) La struttura attuale di Internet è dominata da grandi piattaforme commerciali come quelle cui fanno capo motori di ricerca e social media. Il principale business di queste entità commerciali si basa sulla profilazione compiuta attraverso il trattamento dei dati personali. In questo momento tutti i mass media e in particolare quelli che operano su Internet stanno orientando il business verso la paura. La paura non è il migliore contesto in cui effettuare scelte razionali.

b) La ruvidità delle dispute tra scienziati appartiene alla storia della scienza. Ma oggi le discussioni tra scienziati si giocano su regole comunicative diverse. Quelle dei social media. Litigi, offese e insulti attirano attenzione e generano traffico di dati, ma fanno velo sulla sostanza del dibattito. Il rischio della semplificazione è tangibile. Alcuni scienziati sembrano più interessati ad apparire che a comunicare[12].

c) Il nuovo ecosistema della scienza che sta nascendo è pur sempre basato su politiche che spingono alla competizione e alla logica del vincitore che prende tutto il prima possibile. Il rischio di vedere sempre più annunci trionfalistici sul vaccino a breve e sul farmaco miracoloso è concreto.

Nonostante questi limiti, il nuovo ecosistema aperto di comunicazione della scienza che sta emergendo con forza in questo frangente della storia è migliore di quello precedente all’avvento di Internet. Maggiore rapidità di circolazione delle informazioni su scala globale, più opportunità di controllare e replicare le ricerche, ampie possibilità di coordinare gli sforzi profusi nello studio.

Se però vogliamo davvero una scienza migliore, dobbiamo ricostruire le fondamenta su cui poggia il sistema di comunicazione. In altri termini, dobbiamo far prevalere la cooperazione sulla competizione. L’apertura significa essenzialmente questo. Più condivisione e solidarietà. Disintossicare la scienza dal veleno della competizione per l’eccellenza[13], tornare su scala planetaria a investire ingenti risorse pubbliche nella scienza e restringere i diritti di proprietà intellettuale sono alcuni tra gli obiettivi politici più importanti. Dal punto di vista dei diritti umani si tratta di dare attuazione al diritto alla scienza[14], anche nell’accezione di diritto ad accedere in modalità aperta ai risultati della scienza, e di metterlo in connessione con il diritto alla salute[15].

A quest’ultimo proposito, nei drammatici giorni attuali colpiscono le discussioni surreali su come (non) attuare l’Open Access nel prossimo esercizio di valutazione della ricerca da parte dell’Agenzia ministeriale deputata alla funzione (il riferimento è alla prossima VQR dell’ANVUR)[16]. Giace oramai da mesi nei cassetti del Senato la timida ma meritoria proposta Gallo che farebbe compiere un piccolo passo all’Italia sulla strada del diritto di ripubblicazione in Open Access[17].

L’esperienza del Covid-19 dimostra che ci sarebbe bisogno di norme coraggiose e di una politica che viri urgentemente e con decisione verso la scienza aperta non incentrata sul mercato.

Se l’auspicato mutamento definitivo del sistema di comunicazione della scienza si verificherà non sarà perché la classe dirigente ora al potere verrà folgorata da una salvifica illuminazione. Sarà per merito delle nuove generazioni che porranno in essere un cambiamento profondo.

IV. La storia dimostra che le grandi epidemie come quelle della peste sono potenti fattori di mutamento della società[18].

Il flagello del Covid-19 ci mette di fronte ad alcune scelte fondamentali che attengono alla politica, alla scienza, al nostro stile di vita, ai valori che tengono insieme la società[19].

Dobbiamo scegliere tra egoismo e solidarietà. Tra chiusura e condivisione. Tra autoritarismo e democrazia.

La scienza è un campo fondamentale sul quale effettueremo queste scelte.
Nel chiudere queste pagine mi torna in mente il “Il giudizio universale” di Vittorio De Sica. Molti ricorderanno la trama. All’improvviso risuona dal cielo una voce stentorea che preannuncia a breve il giudizio universale. Anche le persone più ciniche sembrano mutare d’animo e diventare più solidali e compassionevoli. Ma quando la prospettiva del giudizio e delle sue conseguenze si dissolve (riappare il sole dopo il diluvio), gli esseri umani tornano alle miserie e alle nefandezze di sempre. Speriamo di non dover assistere a un finale simile a quello del film.

Mi piace pensare che non sia solo la paura a far immaginare un mondo migliore, e che, passata l’emergenza, la gente scelga con convinzione la via che anche nella scienza conduce a più condivisione, cooperazione e solidarietà.


[1] D. Grossman, Dopo la peste torneremo ad essere umani, in La Repubblica, 20 marzo 2020, trad. it. A. Shomroni dall’orig. The Plague Is a Formative Event. When It Fades, New Possibilities Will Emerge, in Haaretz, Mar. 21, 2020, https://www.haaretz.com/israel-news/.premium.MAGAZINE-the-plague-is-a-formative-event-when-it-fades-new-possibilities-will-emerge-1.8687842

[2] È noto che ci sono teorie minoritarie che sostengono la dannosità intrinseca della proprietà intellettuale.

[3] R. Caso, La rivoluzione incompiuta. La scienza aperta tra diritto d’autore e proprietà intellettuale, Milano, Ledizioni, 2020, https://www.ledizioni.it/download/26281, spec. 127 ss.

[4] J.E. Stiglitz, Economic Foundations of Intellectual Property Rights, in Duke Law Journal, vol. 57, No. 6 (Apr., 2008), 1693, 1710 ss., 1718-1719.

[5] V. Larivière, F. Shuet, C.R. Sugimoto, Coronavirus et édition savante : une question de transmission, in Acfas Magazine, 13 février 2020, https://www.acfas.ca/publications/magazine/2020/02/coronavirus-edition-savante-question-transmission

[6] V. ad es. Calling all coronavirus researchers: keep sharing, stay open, in Nature, 578 (7) 2020; X. Xu, The hunt for a coronavirus cure is showing how science can change for the better, in The Conversation, Feb. 24, 2020. Tra gli ultimi ad aprire i lucchetti vi è JSTOR, un’immensa banca dati scientifica che incrocia le vicende di Aaron Swartz, il giovane scienziato informatico e attivista statunitense che si batteva per l’Open Access e che era stato accusato di gravi crimini federali americani per essersi connesso alla rete del MIT e aver scaricato una grande quantità di articoli scientifici da JSTOR. Quando il procedimento penale era in corso Swartz si suicidò nel gennaio del 2013 all’età di ventisei anni. V. Neetha K., Aaron Swartz: As JSTOR opens it doors amid pandemic, people laud hacker who fought for access to knowledge, Mar. 22, 2020, https://meaww.com/aaron-swartz-life-users-call-out-jstor-open-access-public-during-coronavirus-pandemic-suicide

[7] S. Harrison, Global Officials Call for Free Access to Covid-19 Research, in Wired, 03.13.2020.

[8] Il direttore di Wellcome Trust chiedeva l’Open Access a tutti i risultati della ricerca sul nuovo coronavirus già il 22 gennaio 2020, v. R. Pells, Coronavirus and Ebola: could open access medical research find a cure?, in The Guardian, Jan. 22, 2020. È da ricordare che analoghi appelli furono lanciati agli editori in occasione delle epidemie di Zika ed Ebola, ma rimasero inascoltati. L’atteggiamento dei grandi editori commerciali è stato definito una criminale ipocrisia: V. W.J. van Gerven Oei, Viral Open Access in Times of Global Pandemic, in Punctumbooks, Mar 19, 2020, https://punctumbooks.pubpub.org/pub/viral-open-access-global-pandemic-covid-19-corona/branch/. L’autore dell’articolo rileva, inoltre, a proposito dell’epidemia di Covid-19 che, mentre ancora gli oligopolisti non si erano mossi, sull’archivio “pirata” Sci-Hub a gennaio 2020 erano già disponibili 5000 articoli sulle ricerche scientifiche correlate alla nuova emergenza.

[9] Il riferimeno è alle banche dati GenBank (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/genbank/), Nextstrain (https://nextstrain.org/), Gisaid (https://www.gisaid.org/). La virologa Ilaria Capua nel 2006 scelse di pubblicare in Open Access su GenBank la sequenza genetica del virus H5N1 dell’influenza aviaria (la vicenda è ripercorsa in Una rivoluzione virale, in Le Scienze, 2 aprile 2016, https://www.lescienze.it/news/2016/04/02/news/una_rivoluzione_virale-3036716/). GISAID è un’iniziativa volta a promuovere la condivisione delle sequenze genetiche di tutte le influenze virali. Si tratta di una delle infrastrutture comunicative delle rete mondiale di monitoraggio dell’influenza. In proposito si veda, per un ampio approfondimento, A. Kapczynski, Order Without Intellectual Property Law: Open Science in Influenza (November 6, 2017). Cornell Law Review, Vol. 102, No. 6, 2017; Yale Law School, Public Law Research Paper No. 623. Available at SSRN: https://ssrn.com/abstract=3066162

[10]  K. Kupferschmidt, ‘A completely new culture of doing research.’ Coronavirus outbreak changes how scientists communicate, in Science, Feb. 26, 2020, https://www.sciencemag.org/news/2020/02/completely-new-culture-doing-research-coronavirus-outbreak-changes-how-scientists

[11] V, ad es., Veneto Health Library, https://venetohealthlibrary.wordpress.com/sars-cov-2-covid-19/, nonché il blog BiblioVerifica della biblioteca Vilfredo Pareto dell’Università Torvergata http://biblioverifica.altervista.org/covid19/?fbclid=IwAR3VRin85fjE3kKH8kBRWA_uBG9n1NiypgJ4GN3NeocHwd4r-cRKxMgC6j4

[12] Cfr. M. Sandal, Il coronavirus sta cambiando il modo in cui pensiamo alla scienza, in Esquire, 10.03.2020.

[13] V. l’appello di V. Pinto, D. Borrelli, M.C. Pievatolo, F. Bertoni, Disintossichiamoci – Sapere per il futuro,  https://www.roars.it/online/wp-content/uploads/2020/02/Sapere-per-il-futuro-documento-1-2.pdf

[14] L. Shaver, The Right to Science: Ensuring that Everyone Benefits from Scientific and Technological Progress, in European Journal of Human Rights, 2015/4, 411.

[15] V. gli art. 27 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e l’art. 15 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali. Di questi temi si è discusso al “Sesto congresso mondiale sulla libertà di ricerca scientifica” organizzato dall’Associazione Luca Coscioni e da Science for Democracy presso l’Unione Africana ad Addis Abeba il 25 e 26 febbraio 2020. V. il comunicato dell’associazione scritto da F. Binda e A. Boggio, Scienza aperta per combattere il coronavirus, 21.02.2020, https://www.associazionelucacoscioni.it/notizie/comunicati/scienza-aperta-per-combattere-il-coronavirus/

[16] V. l’intervista rilasciata Prof. Antonio Uricchio, Presidente dell’ANVUR, a Italia Oggi il 17 marzo 2020: ANVUR contano le linee guida dell’UE.

[17] Il riferimento è al Disegno di legge n. 1146, Modifiche all’articolo 4 del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 ottobre 2013, n. 112, nonché introduzione dell’articolo 42-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, in materia di accesso aperto all’informazione scientifica. Sulla proposta Gallo v. Caso, La rivoluzione incompiuta, cit., 143 ss.

[18] A proposito della “Peste nera” v. la narrazione di A. Prosperi, Storia moderna e contemporanea. I. Dalla peste nera alla guerra dei Trent’anni, Torino, Einaudi, 2000, 68 ss. Devo il suggerimento della lettura di queste pagine alla collega Maria Chiara Pievatolo.

[19] Cfr. Y.N. Harari, The world after coronavirus, in Financial Times, Mar. 20, 2020.

In evidenza

Open Science vs. Intellectual Property in a Democratic Order

Sesto Congresso Mondiale sulla Libertà di Ricerca Scientifica organizzato dall’Associazione Luca Coscioni e da Science for Democracy presso l’Unione Africana ad Addis Abeba il 25 e 26 febbraio 2020

The evaluation of scientific research is based on data protected by secrecy and intellectual property (e.g., Elsevier Scopus or Clarivate Web of Science). While science has progressed thanks to public dialogue, the current evaluation system is centered on private control of information. This represents a fundamental shift from democratic to authoritarian science. Open Science may confront this change only if it is accepted as the heir, in the digital age, of the values and principles that public and democratic science has traditionally fostered in the age of printing, thus becoming the guardian of a democratic society.

https://zenodo.org/record/3686843#.XnsROdNKiu4

In evidenza

Il conflitto tra diritto d’autore e ricerca scientifica nella disciplina del text and data mining della direttiva sul mercato unico digitale

Su Zenodo, l’archivio ad accesso aperto del progetto OpenAIRE dell’UE e del CERN, è disponibile il preprint di un mio articolo sulla nuova Direttiva 2019/790 in materia di diritto d’autore nel Mercato Unico Digitale in corso di pubblicazione su Il diritto industriale

https://zenodo.org/record/3633619

In evidenza

La rivoluzione incompiuta

Presentazione nell’ambito di #Policult

Intevista sul sito Letture.org


https://www.ledizioni.it/download/26281/



Se si domanda a una persona di buon senso «a chi appartiene la scienza?», la risposta più probabile è: «a tutti!».
Dietro il velo di una risposta istintiva e (apparentemente) superficiale si nasconde la storia dell’eterno conflitto tra apertura e chiusura della conoscenza, tra pubblicità e segretezza. Un conflitto che assume connotati peculiari nell’era digitale.
All’alba dell’era di Internet una parte della comunità scientifica ha coltivato la speranza di potenziare il discorso scientifico e l’uso pubblico della ragione creando una Rete democratica delle menti.
Questa speranza oggi appare minacciata dalla mercificazione della conoscenza e dalle forze che mirano ad accentrare il potere decisionale nelle mani di pochi. La scienza appare sempre più in crisi. L’apertura può curare la crisi in cui versa la scienza? Cosa significa scienza aperta? Le risposte contenute nel libro sono parziali e attengono al dilemma evocato nel suo titolo: diritto d’autore o proprietà intellettuale?
In evidenza

La libertà accademica e il diritto di messa a disposizione del pubblico in Open Access

In alcuni importanti Paesi Membri dell’Unione Europea sono state emanate, a partire dal 2013, leggi volte a conferire all’autore un diritto inalienabile e irrinunciabile di mettere a disposizione del pubblico in Open Access (OA), accesso aperto, su Internet la propria opera scientifica frutto della ricerca finanziata con fondi pubblici e precedentemente pubblicata con un editore commerciale.

L’istituzione di questo nuovo diritto d’autore – o meglio, di una nuova caratterizzazione del diritto di comunicazione e messa a disposizione del pubblico – è finalizzata a rendere praticabile una delle vie mediante le quali si raggiunge l’OA alle pubblicazioni scientifiche: la c.d. green road. Per via verde si intende quella forma di accesso aperto che si esplica nel deposito (c.d. self-archiving) presso archivi istituzionali o disciplinari ad accesso aperto di ciò che è stato in precedenza pubblicato con editori commerciali che chiedono un pagamento per la fruizione dell’opera (c.d. accesso chiuso). I Paesi che hanno normato la materia, novellando le proprie leggi sul diritto d’autore, sono: la Germania nel 2013, i Paesi Bassi nel 2015, la Francia nel 2016 e il Belgio nel 2018. Con diverse formulazioni tali normative mirano a blindare il diritto di messa disposizione del pubblico conferendogli i caratteri dell’irrinunciabilità e dell’inalienabilità. Si tratta di norme di natura imperativa: non possono essere derogate dal contratto. In particolare, vengono neutralizzate le eventuali clausole del contratto tra autore ed editore che fossero finalizzate alla cessione piena ed esclusiva del diritto messa a disposizione del pubblico. Sono altresì norme di applicazione necessaria, il tentativo dell’editore di aggirarle, mediante la scelta negoziale di una legge (nazionale) applicabile al contratto che non prevede il diritto di messa a disposizione del pubblico in accesso aperto, sarebbe vano.

Una recente proposta di legge italiana di iniziativa parlamentare si muove, dopo alcuni emendamenti, nella stessa direzione.

Il diritto di mettere a disposizione del pubblico in accesso aperto l’opera scientifica costituisce un importante presidio della libertà accademica.

Da un punto di vista storico, il diritto mira a ripristinare la libera circolazione (almeno) degli articoli scientifici che nella prima fase del diritto d’autore non veniva intaccata dal diritto di esclusiva.

L’idea è riemersa in Germania a partire dal 2005, quando si è iniziato a discutere di modificare la legge sul diritto d’autore per conferire all’autore un diritto inalienabile di rendere accessibile per finalità non commerciali il proprio articolo scientifico frutto di ricerche prevalentemente finanziate con fondi pubblici dopo sei mesi dalla prima pubblicazione.

Si tratta di un dispositivo giuridico che non garantisce la realizzazione della forma più avanzata di Open Access, cioè quella che si basa sulla concessione al pubblico di ampi diritti di riuso (c.d. Libre Open Access). L’autore che, dopo aver ceduto i diritti economici all’editore, torni nella disponibilità del solo diritto di messa a disposizione del pubblico non può concedere ampi diritti di riuso mediante una licenza Creative Commons estremamente permissiva. Non può, ad esempio, concedere al pubblico il diritto di trarre opere derivate.

In altri termini, il diritto di messa a disposizione del pubblico in OA è una soluzione compromissoria in un mondo ancora dominato dall’editoria scientifica commerciale.

Il tema perciò merita di essere trattato al fine di discutere i modelli normativi stranieri, la proposta di legge italiana e i possibili sviluppi futuri.

https://zenodo.org/record/2611105#.XJ835BNKjnU

https://iris.unitn.it/handle/11572/232939#.XKz19eszbnV

Diritto civile 2021-2022

I diritti della personalità

La società della mercificazione e della sorveglianza: dalla persona ai dati

Casi e problemi di diritto civile

Le due maschere, tragica e comica, del teatro latinoMosaico del I secolo a.C. (Musei Capitolini) – Pubblico dominio – Wikipedia

Testi di riferimento

Roberto Caso, La società della mercificazione e della sorveglianza: dalla persona ai dati. Casi e problemi di diritto civile, Milano, Ledizioni, 2021

Introduzione

Letture:

G. Alpa, Diritto civile 1. Nozione, in Enciclopedia Treccani, 2017

G. Alpa, Diritto civile 2. Storia, fonti, codici, in Enciclopedia Treccani, 2017

G. Pascuzzi, Soldatini e danni collaterali: i settori scientifico-disciplinari, in Roars, 18 gennaio 2014

La prova scritta:

Un esempio di prova scritta (commento del docente)

Un altro esempio

Visioni:

Gattaca – La porta dell’universo (di Andrew Niccol) trailer

Snowden (di Olivers Stone) trailer

Il prigioniero (serie tv) (ideatori Patrick McGoohan e George Markstein) trailer

Lezione 1 Il metodo casistico-problematico

Letture:

G. Pascuzzi, Cosa intendiamo per «metodo casistico»?, Trento Law and Technology Research Papers; nr. 29, 2016

Harvard – Facoltà di legge (di Scott Turow) – Mondadori 2013 (ed. orig. 1977) – un estratto

Visioni:

The Paper Chase (di James Bridges) – una scena

Learn Law Better, Paper Chase vs Law Professor

Lezione 2 Gli argomenti interpretativi

Letture:

Università di Torino, Archivio di diritto e storia costituzionali, Tecniche interpretative della Corte costituzionale

G. Tarello, Argomenti interpretativi, in Digesto civ., vol. I, Utet, Torino, 1987, 419

G. Pascuzzi, Il problem solving nelle professioni legali, Bologna, Il Mulino, 2017

Lezione 3 La tecnica argomentativa del bilanciamento dei diritti

Letture:

R. Bin, Ragionevolezza e divisione dei poteri, in Diritto&questioni pubbliche – n.2 agosto 2002

G. Pino, Conflitto e bilanciamento tra diritti fondamentali Una mappa dei problemi, in «Ragion Pratica», 28, 2007, pp. 219-276

P. Grossi, La invenzione del diritto: a proposito della funzione dei giudici, 2017

C. Salvi, Globalizzazione e critica del diritto, 2020

F. Giovanella, Copyright and Information Privacy. Conflicting Rights in Balance, Edward Elgar, 2017, chapter 1

Università di Torino, Archivio di diritto e storia costituzionali, Tecniche interpretative della Corte costituzionale

Lezione 4 Diritto e tecnologia

LawTech – The Law and Technology Group

Letture:

Approfondimenti in altri corsi all’Università di Trento – Facoltà di Giuriprudenza:

Diritto dell’era digitale

Diritto comparato della proprietà intellettuale

Lezione 5 Come si cerca l’informazione giuridica

Letture:

R. Caso, La dottrina giuridica italiana in Open Access – Una sitografia in costruzione

Lezione 6 Come si affronta un esame scritto

L. 19 aprile 1925, n. 475, repressione della falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di lauree, diplomi, uffici, titoli e dignità pubbliche

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, art. 70

Codice etico dell’Università di Trento (2014), art. 5.10 (Integrità – Risultati dell’ingegno e plagio)

Codice d’onore degli studenti (Università di Trento, 2016), Condotte specifiche 1.g)

Un esempio di prova scritta (commento del docente)

Un altro esempio

Lezione 7 L’evoluzione dei diritti della persona e della personalità

Letture:

G. Resta, Diritti della personalità: problemi e prospettive, in Dir. inf., 2007, 1043, ripubblicato in G. Resta, Dignità, persone, mercati, Giappichelli, Torino, 2014, 73-96

Visioni:

G. Resta, Responsabilità civile e diritti della personalità, Università degli Studi di Trento – Facoltà di Giurisprudenza Lezioni magistrali sulla responsabilità civile 3 aprile 2014

Lezione 8 Il diritto all’immagine

Letture:

Codice civile, art. 10

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, art.96-97

App. Torino Udienza 3 marzo 1903; Pres. Bolognini, Est. Pratis; Maga (Avv. Ceresole) c. Cominetti (Avv.Lorio), in Foro it., 1904, I, 633

Corte costituzionale, 12 apr. 1973 nr. 38

Lezione 9 Il diritto allo sfruttamento commerciale della notorietà

Letture:

Haelan Laboratories, Inc. v. Topps Chewing Gum, Inc, 202 F.2d 866 (2d Cir. 1953) 

Cass. 10 novembre 1979, n. 5790, in Foro it., 1980, I, 81

Pret. Roma ord. 18 aprile 1984, in Foro it., 1984, I, 2030 (caso Dalla)

App. Roma 8 settembre 1986, in Foro it., 1987, I, 919

Cass. 2 maggio 1991, n. 4785, in Foro it., 1992, I, 831 (caso Armani)

LEZIONE 10 IL DIRITTO AL NOME

Letture:

Costituzione italiana: lavori preparatori (Archivio Quirinale; Nascita della Costituzione a cura di F. Calzaretti; Fonti storiche di diritto costituzionale in rete a cura di R. Bin)

Costituzione italiana, art. 2

Costituzione italiana, art. 3

Costituzione italiana, art. 22

Codice civile, art. 6-9

Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, art. 3, 8

App. Napoli 18 giugno 1906, in Foro it., 1906, I, 1398

Lezione 11 Il diritto morale d’autore

Letture:

Codice civile, art. 2577

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, art. 1, 6, 20

Cass. Torino, udienza 5 dicembre 1908; The Gramophone company limited  c. Ricordi ed altri, in Foro it., 1909, I, 603

Visioni:

The Gost Writer

Altri corsi all’Università di Trento – Facoltà di Giurisprudenza:

Diritto comparato della proprietà intellettuale

Diritto d’autore e arte

Lezione 12 Il diritto alla riservatezza

Letture:

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, art. 12

Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, art. 8

Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, art. 7

S. D. Warren, L. D. Brandeis, The Right to Privacy, in Harvard Law Review, Vol. 4, No. 5. (Dec. 15, 1890), pp. 193-220

Cass. 27 maggio 1975 n. 2129, in Foro it, 1976, I, 2895 (caso Soraya)

A. De Cupis, Il diritto alla riservatezza esiste, in Foro it., 1954, 89

R. Pardolesi, Riservatezza: problemi e prospettive, in Spinelli (a cura di), Responsabilità civile, Bari, 1974, vol. II, pp. 316 ss.

S. Rodotà, Riservatezza, in Enciclopedia Treccani, 2000

Visioni:

Latin Lover di Franco Indovina, in I Tre volti (1965) – una scena

Lezione 13 Il diritto alla identità personale

Letture:

Pret. Roma, ord. 6 maggio 1974, in Foro it., 1974, I, 1806

Cass. 22 giugno 1985 n. 3769 , in Foro it., 1985, I, 2211 (caso Veronesi)

Cass. 7 febbraio 1996, n. 978 , in Foro it., 1996, I, 1253

G. Pino, Il diritto all’identità personale ieri e oggi. Informazione, mercato, dati personali, in Libera circolazione e protezione dei dati personali, a cura di R. Panetta, Giuffrè, Milano, 2006, t. 1., pp. 257-321

G. FinocchiaroVoce Identità personale (diritto alla) , in Digesto delle discipline privatistiche, Sez. civ., Agg., Torino, 2010.

Lezione 14 Il diritto all’oblio

Letture:

Regolamento (UE) 2016/679, Art. 17

Sidis v. F-R Publishing Co, 113 F.2d 806 (Harvard H2O)

Cass. 9 aprile 1998, n. 3679

Cass., sez. un., 22 luglio 2019, 19681

R. Pardolesi, L’ombra del tempo e (il diritto al)l’oblio, in Questione Giustizia 2017/1

Documenti:

Sidis Archives (Sidis vs. The New Yorker)

William James Sidis (Wikepedia)

Lezione 15 Il danno alla persona e il diritto alla vita

Letture:

Il diritto alla vita e il danno da uccisione

Cass., sez. un., ud. 22 dicembre 1925, in Foro it., 1926, I, 328

Cass., sez. III civ., 23 gennaio 2014, n. 1361, in Foro it., 2014, I, 719

Cass. civ., sez. un., 22 luglio 2015, n. 15350

R. Caso, Il bene della vita e la struttura della responsabilità civile, in Foro it., 2014, I, 769

R. Caso, Le Sezioni unite negano il danno da perdita della vita: giorni di un futuro passato, in Foro it., settembre 2015, I, 2698

U. Izzo, La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa di una convergenza transistemica, 2018

Lezione 16 la sorveglianza di massa e il trasferimento dei dati fuori dall’unione europea

Letture:

Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, art. 8

Regolamento (UE) 2016/679

Corte di Giustizia UE, 16 luglio 2020, causa C-311/18 (caso Schrems II)

Comitato europeo per la protezione dei dati, “Domande frequenti sulla sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea nella causa C-311/18” 23 luglio 2020 (trad. it. a cura del Garante per la protezione dei dati personali)

Garante per la protezione dei dati personali, Provvedimento n 64 del 26 marzo 2020 – “Didattica a distanza: prime indicazioni”

Zoom Privacy Statement

R. Ducato et al., Emergency Remote Teaching: a study of copyright and data protection policies of popular online services (Part II), Kluwer Copyright Blog, June 4, 2020

M.C. Pievatolo, Teledidattica: proprietaria e privata o libera e pubblica, in Roars, 8 giugno, 2020

Lezione 17 la sorveglianza digitale nel conflitto tra diritto d’autore e protezione dei dati personali

Letture:

Corte Giustizia UE 29 gennaio 2008 C-275/06 (Promusicae)

G. Resta, Anonimato, responsabilità, identificazione: prospettive di diritto comparato, in Dir. informazione e informatica, 2014, 171

G. Resta, in G. Alpa e G. Resta, Le persone e la famiglia 1. Le persone fisiche e i diritti della personalità, in Trattato di diritto civile diretto da R. Sacco, Utet, Torino, 2019, pp. 486-508

G. Finocchiaro,  Anonimato, in Digesto delle discipline privatistiche, Sez. civ., Agg., Torino, 2010

R. Caso, Il conflitto tra copyright e privacy nelle reti Peer to Peer: il caso Peppermint: profili di diritto comparato, in Diritto dell’Internet, 2007, 471

R. Caso, Il conflitto tra diritto d’autore e protezione dei dati personali: appunti dal fronte euro-italiano, in Diritto dell’Internet, 2008, pp. 466-472.

F. Giovanella, Copyright and Information Privacy. Conflicting Rights in Balance, Edward Elgar, 2017, chapter 1

LEZIONE 18 IL DIRITTO ALLA CANCELLAZIONE DEI DATI E LA DE-INDICIZZAZIONE

Letture:

Corte Giustizia UE grande sezione; sentenza 13 maggio 2014, C-131/12 (caso Costeja)

Corte Giustizia UE grande sezione, sentenza 24 settembre 2019, C‑507/17 (Google c. CNIL)

Corte Giustizia UE grande sezione, sentenza 24 settembre 2019, C-136/17

European Data Protection Board, Guidelines 5/2019 part I

LEZIONE 19 CONTRASTO ALLA PANDEMIA, SORVEGLIANZA DIGITALE E PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Letture:

Decreto legge 30 aprile 2020, n. 28, art. 6

Garante per la protezione dei dati personali, Provvedimento di autorizzazione al trattamento dei dati personali effettuato attraverso il Sistema di allerta Covid-19 – App Immuni – 1° giugno 2020

DPCM 25 ottobre 2020, art. 3.1.b)

Immuni, Informativa privacy

AUTO-IMMUNI – Gli anticorpi della democrazia

G. Resta, La protezione dei dati personali nel diritto dell’emergenza Covid-19, Giustizia civile, 5.5.2020

Visioni:

App di contact tracing e tracking: privacy e controllo del contagio, 8 giugno 2020

Lezione 20 Privacy by design e privacy by default

Letture:

Regolamento (UE) 2016/679, art. 25

A. Cavoukian, Privacy by design: The 7 foundational principles, 2009

G. Bincoletto, La privacy by design. Un’analisi comparata nell’era digitale, Aracne editrice, 2019 (cap. IV – La privacy by design nel diritto europeo)

Lezione 21 processo decisionale automatizzatO

Letture:

Regolamento (UE) 2016/679, art. 22

C. Stato, sez. VI, 08-04-2019, n. 2270

C. Stato, sez. VI, 13-12-2019, n. 8472

A. Simoncini, L’algoritmo incostituzionale: intelligenza artificiale e il futuro delle libertà, in BioLaw Journal –Rivista di BioDiritto, n. 1/2019

M.C. Cavallaro, G. Smorto, Decisione pubblica e responsabilità dell’amministrazione nella società dell’algoritmo, in Federalismi, 4 settembre 2019

P. Guarda, L. Petrucci, Quando l’intelligenza artificiale parla: assistenti vocali e sanità digitale alla luce del nuovo regolamento generale in materia di protezione dei dati, in BioLaw Journal – Rivista di biodiritto, n. 2/2020

G. Pascuzzi, Le valutazioni degli studenti le fa l’algoritmo (a proposito di Educational Data Mining), 13 ottobre 2020

Visioni:

“Sully” (2016) di Clint Eastwood – una scena

Lezione 22 intelligenza artificiale e diritto d’autore

Letture:

Commissione UE, LIBRO BIANCO sull’intelligenza artificiale – Un approccio europeo all’eccellenza e alla fiducia, 19.2.2020

Parlamento Europeo, Proposta di risoluzione sui diritti di proprietà intellettuale per lo sviluppo di tecnologie di intelligenza artificiale, 2020/2015(INI) 2020

European Commission, Intellectual property and artificial intelligence. A literature review (eds. M. Iglesias, S. Shamuilia, A. Anderberg), 2019

P. Mezei, From Leonardo to the Next Rembrandt – The Need for AI-Pessimism in the Age of Algorithms (July 24, 2020). UFITA, Issue 2/2020 (forthcoming)

L. Travisaniello, Macchine intelligenti che creano ed inventano. Profili e rilievi critici del nuovo rapporto tra intelligenza artificiale e diritti di proprietà intellettuale, LawTech Student Paper nr. 54, 2020

Visioni:

The Next Rembrandt

LEZIONE 23 IL DIRITTO D’AUTORE ACCADEMICO E LA MERCIFICAZIONE DELLA SCIENZA

Letture:

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, art. 42

DDL n. 1146 (Parlamento Italiano, Senato della Repubblica), art. 1, comma 2

AISA, Diritto di ripubblicazione in ambito scientifico

Science Commons, SPARC, Addendum al contratto editoriale di pubblicazione

L. 19 aprile 1925, n. 475, repressione della falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di lauree, diplomi, uffici, titoli e dignità pubbliche

L. 22 aprile 1941, n. 633, Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, art. 70

Codice etico dell’Università di Trento (2014), art. 5.10 (Integrità – Risultati dell’ingegno e plagio)

Codice d’onore degli studenti (Università di Trento, 2016), Condotte specifiche 1.g)

A. Swartz, Guerilla Open Access Manifesto, 2008

R. Caso, – Il diritto d’autore accademico nel tempo dei numeri e delle metriche, Trento, LawTech Research Paper nr. 36, Trento, Università degli studi di Trento, 2018

Visioni:

Teh Social Network (2010) di David Fincher (una scena)

Lezione 24 Brevetti per invenzione e diritti della persona

Letture:

Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, art. 1, art. 17

Direttiva 98/44/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 6 luglio 1998 sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche

Corte giustizia Unione europea, 6 luglio 2010, C-428/08

Corte giustizia Unione europea, 18 ottobre 2011, C-34/10

G. Resta, La conoscenza come bene comune:quale tutela?, 2013

Approfondimenti in altri corsi all’Università di Trento – Facoltà di Giuriprudenza:

Diritto comparato della proprietà intellettuale

Diritto alimentare comparato

Lezione 25 Datificazione

Conclusioni

Letture:

S. Zuboff, Big Other: Surveillance Capitalism and the Prospects of an Information Civilization, Journal of Information Technology (2015) 30, 75–89. doi:10.1057/jit.2015.5

Y.N. Harari, Il mondo dopo il virus, in Internazionale [trad. da Finacial Times], 6 aprile 2020

P. Pecere, L’età del capitalismo della sorveglianza, Il Tascabile, 29 luglio 2020

A. Alì, Lo Stato, il territorio, l’accesso e la localizzazione dei dati ai tempi del cloud computing, 2017

D. Messina, La protezione dei dati personali alla luce della vicenda ‘Cambridge Analytica’, in Federalismi, 2018

Ascolti:

A. M. Giordano, intervista Shoshana Zuboff per Radio3 Mondo

Cos’è che le piace del diritto?

Tom Hanks, dal film Philadelphia (1993) diretto da Jonathan Demme

T. Ascarelli, Antigone e Porzia, 1955

A. Swartz, Legacy, 2006

G. Pascuzzi, Insegnare all’università, 2018