La dottrina giuridica italiana in Open Access – Una sitografia in costruzione

Questa sitografia elenca le fonti in accesso aperto alla dottrina giuridica italiana (anche iniziative editoriali pubblicate in Italia ma in lingua straniera). Per segnalare altre fonti o errori si prega di scrivere a roberto.caso@unitn.it

Riviste

Aedon – Rivista di arti e diritto on line

Annali del Seminario Giuridico dell’Università di Palermo

Annali dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Archivio Giuridico Sassarese

BioLaw Journal – Rivista di biodiritto

Bollettino Telematico di Filosofia Politica

CERIDAP

Comparative Law Review

Cultura e diritti

Cultura giuridica e diritto vivente

Dike – Rivista di Storia del Diritto Greco ed Ellenistico

Diritti comparati

Dirittifondamentali.it

Diritto cinese (Istituto di Diritto Cinese)

Diritto della sicurezza sul lavoro

Diritto & questioni pubbliche

Diritto e storia

Diritto mercato e tecnologia (dimt)

Diritto penale contemporaneo

E-Journal of International and Comparative Labour Studies

European Journal of Privacy Law & Technologies

European Legal Roots

Federalismi

Freedom Security & Justice: European Legal Studies

GenIUS

Gruppo di Pisa. Dibattito aperto sul Diritto e la Giustizia costituzionale

Historia et ius

Istituzioni del Federalismo

Italian Labour Law e-Journal

Italian Review of Legal History

Jus Civile

Labour & Law Issues

Lavoro Diritti Europa

MediaLaws

Nomos – Le attualità del diritto

Opinio Juris in Comparatione

Ordine internazionale e diritti umani

Orizzonti di diritto commerciale (Rivista ODC)

Persona e mercato

Quaderni e Ricerche de “Il seminario di Studi Parlamentari ‘Silvano Tosi'”

Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno

Questione Giustizia

Questions of Inernational Law

Ricerche giuridiche

Rivista di diritto alimentare

Rivista di diritto bancario

Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management

Rivista di Diritto dell’Economia, dei Trasporti e dell’Ambiente

Rivista quadrimestrale di Diritto dell’Ambiente

Roma Tre Law Review

Società e diritti

Statoechiese.it

Studi Tributari europei

The Cardozo Electronic Law Bulletin

The Italian Law Journal

Trento Student Law Review

University of Bologna Law Review

Collane di libri

Biblioteca di Storia del Diritto (a cura della Biblioteca del Senato della Repubblica)

Bonomia University Press

Edizioni Cà Foscari

Firenze University Press

Ledizioni

Pubblicazioni del Master di I livello in “Diritto Sanitario” (SPISA – Università di Bologna)

Roma TRE-Press

Tribunali della fede (Edizioni di Storia e Letteratura)

UNICApress

Università di Torino – Dipartimento di Giurisprudenza – Memorie

Università di Torino – Dipartimento di Giurisprudenza – Quaderni

Università di Trento – Dipartimento “Facoltà di Giurisprudenza” – Collana della Facoltà di giurisprudenza

Università di Trento – Dipartimento “Facoltà di Giurisprudenza” -Quaderni della Facoltà di Giurisprudenza

Università di Trieste – EUT

Working papers

Bocconi Legal Papers

Diritti comparati – working papers

ISLL Papers .The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature

Law & Economics LAB

Trento LawTech Research Papers

Trento LawTech Student Papers

The Working Papers Collection of the Centre for the Study of  European Labour Law “MASSIMO D’ANTONA”

Tesi di dottorato

DART Europe

Archivi Open Access

DoGi – Dottrina giuridica (abstract di articoli giuridici italiani)

LawArXiv

SSRN (Elsevier)

Zenodo

Motori di ricerca

Pleiadi

Comunicato AISA: Accordi trasformativi: un’offerta che non si può rifiutare?

L’Associazione Italiana per la promozione della Scienza Aperta (AISA) ha pubblicato il 13 luglio 2020 un comunicato sui c.d. “contratti trasformativi”.

Il comunicato si legge qui: https://aisa.sp.unipi.it/accordi-trasformativi-unofferta-che-non-si-puo-rifiutare/

I contratti trasformativi comportano molti effetti negativi. Qui di seguito un breve estratto del comunicato nel quale l’AISA formula precise richieste alle istituzioni che hanno il potere decisionale in materia.
L’AISA auspica che si adottino le seguenti contromisure, in ordine decrescente di difficoltà:

  1. mettere in discussione i criteri che comportano l’uso della bibliometria e la dipendenza da database – Scopus e Clarivate Analytics – in mano a multinazionali private il cui scopo è il lucro;
  2. rendere pubblica il più precocemente possibile la proposta di contratto su cui si sta negoziando;
  3. rendere pubblici i contratti conclusi: gli accordi di riservatezza, infatti, sono un vantaggio per chi vende e non certo per chi compra;
  4. non chiedere ai singoli delegati l’adesione su una mera proposta economica, ma sul contratto vero e proprio, che va loro mostrato perché sia condiviso all’interno dell’ente di appartenenza all’inizio e non alla fine della procedura.